Sergio Ucciero: 16 anni e 8 mesi per l’omicidio alla stazione di Bologna

Sergio Ucciero: 16 anni e 8 mesi per l’omicidio alla stazione di Bologna

Stazione Centrale BolognaSergio Ucciero, agente letterario di 55 anni residente a Jesi, è stato condannato a 16 anni e 8 mesi di carcere: il 13 Ottobre 2012 uccise a coltellate Alessandro Porrovecchio, torinese di 53 anni che aveva da poco intrapreso una relazione sentimentale con la moglie di Ucciero Luciana Lacarretta.

Il delitto avvenne davanti al primo binario della stazione di Bologna davanti a decine di persone, dove Porovecchio e donna si erano dati appuntamento: Ucciero li raggiunse in preda a un cieco furore e uccise il rivale con un coltello. Il gup Alberto Ziroldi, ritenendo le attenuanti generiche equivalenti all’aggravante della premeditazione, ha fissato la pena a 16 anni e 8 mesi, compreso lo sconto di un terzo per il rito abbreviato. Il pm Antonello Gustapane aveva invece chiesto l’ergastolo.

La difesa, sostenuta dall’avvocato Cristina Errede, riteneva invece la premeditazione inesistente e su questo farà appello. Il giudice ha anche riconosciuto alle parti civili dei risarcimenti: 282mila euro a testa alle due figlie di Porrovecchio, 200mila a testa ai genitori e 100mila alla sorella. Ucciero in udienza ha rilasciato: “Voglio espiare la mia pena, ho sbagliato e voglio pagare.”

Alessandro Bondavalli

APPRFONDIMENTI  Bologna: boom di bar e ristoranti, ma 1 su 2 chiude

Leave a Reply

Your email address will not be published.