Suicidio via dei Mille, si indaga sul caso di Alessandro Comani

Suicidio via dei Mille, si indaga sul caso di Alessandro Comani

Suicidio via dei Mille, si indaga sul caso di Alessandro ComaniAlessandro Comani, 59enne titolare di una nota società immobiliare con sede in via Saragozza, si è tolto la vita ieri mattina in un elegante edificio di via dei Mille.

Un solo colpo, una fucilata fatale per sfuggire per sempre ai problemi che la vita gli ha riservato negli ultimi anni. Secondo le ultime indiscrezioni sembra che l’imprenditore avesse qualche difficoltà finanziaria, confermata dalla richiesta di sfratto in procinto di essere notificata dalle forze delle ordine. Non si esclude che tra le ragioni del suicidio vi siano anche le precarie condizioni di salute.

Il noto imprenditore, separato da quasi otto anni e padre di due figlie, prima di compiere il gesto suicida ha scritto delle lettere di scuse rivolte ai suoi familiari. Comani chiede loro perdono per il dolore provocato dalla sua inaspettata morte, ma non fornisce alcuna spiegazione sui motivi che lo hanno spinto al suicidio. I messaggi sono stati rinvenuti dalla Polizia, che era attesa dall’uomo per la notifica dello sfratto.

Il giallo di via dei Mille presenta alcuni lati oscuri: nessuno dei condomini avrebbe sentito lo sparo o altri rumori sospetti provenire dall’abitazione del 59enne, che viveva da quattro anni al quarto piano dell’elegante edificio. Sulla vicenda indaga i carabinieri e la Procura di Bologna.

APPRFONDIMENTI  Dove sposarsi in Riviera Romagnola: tre destinazioni da sogno

Leave a Reply

Your email address will not be published.