Luce laser sul cervello per fermare la dipendenza da cocaina

Luce laser sul cervello per fermare la dipendenza da cocaina

Luce laser sul cervello per fermare la dipendenza da cocainaUn raggio laser per fermare la dipendenza da cocaina. A descrivere la nuova terapia non convenzionale per superare la dipendenza da polvere bianca è uno studio statunitense, firmato da Antonello Bonci, un italiano che lavora da anni al National Institute on Drug Abuse (Nida) di Baltimora, pubblicato su Nature.

Stimolando una parte del cervello con la luce laser, i ricercatori del team di Bonci hanno dimostrato di poter spazzare via la dipendenza nei ratti; o, viceversa, di trasformare degli animali non tossicodipendenti in consumatori compulsivi di cocaina.

«Quando accendiamo una luce laser nella regione prelimbica della corteccia prefrontale, si “spegne” la ricerca compulsiva della cocaina», spiega Bonci, dal 1998 negli Stati Uniti, dove è direttore scientifico del programma di ricerca presso il Nida (National Institutes of Health) e ordinario aggiunto di neurologia presso l’UCSF.

LO STUDIO SUI TOPI– «Una delle caratteristiche della dipendenza da cocaina è proprio l’assunzione compulsiva, il fatto cioè di non riuscire a smettere anche se ci si sta distruggendo la vita. Ciò che rende il nuovo studio così promettente – dice Bonci – è il fatto che il team ha lavorato con un modello animale che riproduce questo tipo di dipendenza». I ratti impiegati, come i tossicodipendenti, sono più propensi a prendere decisioni sbagliate e ad assumere cocaina anche quando sono condizionati ad aspettarsi conseguenze negative quali uno choc elettrico. Studi elettrofisiologici su questi ratti hanno dimostrato un’attività estremamente bassa nella corteccia prefrontale, una regione del cervello fondamentale per il controllo degli impulsi, il processo decisionale e la flessibilità comportamentale. Studi simili sul cervello degli esseri umani hanno mostrato lo stesso modello nelle persone dipendenti da cocaina.

NUOVA TERAPIA– Lo studio, dunque, prova il ruolo essenziale della corteccia prefrontale nella dipendenza da coca, e indica «una nuova terapia, che potrebbe essere testata immediatamente sull’uomo», aggiunge il ricercatore. In realtà la nuova terapia per l’uomo non sarebbe basata sull’utilizzo del laser, ma sulla stimolazione magnetica transcranica. Un sistema già testato contro altre patologie, tanto che alcuni studi clinici «sono attualmente in fase di progettazione per verificare se questo approccio funziona contro la dipendenza da cocaina», comunica Bonci.

La cosa più esaltante, continua Bonci, è che «esiste un sistema simile al laser per indurre un’attivazione della corteccia prelimbica nelle persone: una tecnica chiamata stimolazione magnetica transcranica, che comporta l’applicazione di un campo elettromagnetico esterno al cervello, ed è già stata usata come trattamento per i sintomi della depressione».

LE SPERIMENTAZIONI– Lo scienziato italiano e i suoi colleghi hanno in programma di iniziare le sperimentazioni cliniche al Nih, negli Usa, ma anche in collaborazione con centri italiani che fanno capo al Dipartimento politiche antidroga. «Abbiamo un rapporto stretto con il Dpa e la sua rete, che raccoglie tutti i ricercatori che lavorano sulle dipendenze. Un’eccellenza italiana –afferma Bonci- che gode di grande rispetto negli Stati Uniti».

Maria Francesca Cadeddu

Leave a Reply

Your email address will not be published.