Bologna, parcheggio esclusivo in Piazza Verdi: l’ironia sulle auto blu passa dal web

Lo spazio antistante al Comunale viene trasformato in parcheggio, l’indignazione dei cittadini raccontata attraverso i social network

Bologna, parcheggio esclusivo in Piazza Verdi: l’ironia sulle auto blu passa dal web

Dalle polemiche agli sfottò: «Piazza Verdi, parcheggio esclusivo» di vip e autorità ora è anche un 'profilò Facebook.

BOLOGNA, 7 FEBBRAIOPer il Macbeth si riempie il teatro Comunale, ma si riempie anche piazza Verdi. Quasi non basta lo spazio per parcheggiare tutte le auto blu dei notabili che assistono alla rappresentazione, una pagina su Facebook lancia la proposta: “acquista il tuo esclusivo parcheggio in via Petroni”.

L’indignazione, per comportamenti al limite della legge e del buongusto, nei confronti di chi dispone di un po’ di potere, o almeno di un auto blu, non è cosa inconsueta di questi tempi. Ci siamo ormai abituati agli sfoghi, anche violenti, dei cittadini verso determinati soprusi o scorrettezze da parte di alcuni privilegiati.

Alcune volte, però, l’indignazione può trasformarsi in creatività piuttosto che in aggressività, come nel caso di cui stiamo parlando.

Piazza Verdi è uno dei ritrovi per eccellenza dalla movida bolognese, oltre che della vita universitaria in senso ampio, in forza della sua posizione di crocevia tra le due torri e la zona di Via Zamboni e Via San Vitale. È normale che la notte si ingrossi di orde e bivacchi, infatti in gran numero vi si affolla la gioventù allegra e spensierata e non sempre è teatro di comportamenti deprecabili, anzi è facile passarci del tempo in tranquillità.

Ma, a turno, si sono cimentati e politici e questori e giornali nel demonizzare i suoi frequentatori. Per la prima del Comunale il disagio, o meglio il disappunto, non è stato causato da questi demoni avvinazzati, ma da decine di auto blu a cui è stato permesso di sostare nella piazza senza che effettivamente nessuno avesse disposto in tal senso, o così sembrava.

L’assessore Andrea Colombo ha voluto far sapere, tramite nota ufficiale, che nessuna disposizione è stata diramata da Palazzo d’Accursio, dal Comune quasi si condanna l’accaduto che indispone i cittadini bolognesi che ogni giorno si spostano per la città rispettando le regole. L’assessore tiene a precisare anche che nessuna autorità comunale si è recata alla prima, diretta da Richard Wilson, con l’auto blu.

In seguito l’arcano verrà svelato: in Questura è stata emanata un ordinanza per permettere alle forze dell’ordine di controllare il traffico di autorità in ingresso e in uscita dalla piazza, così da evitargli possibili contestazioni. Piccolo problema di comunicazione?

Ci pensano dei cittadini a farci riflettere. Infatti il giorno dopo sul Social Network più usato, una pagina ci scherza su. In copertina una donna in pelliccia e il post sul fattaccio: «Eri stanco delle Ztl? Sognavi il tuo personale pied-a-terre nel centro della city? Da oggi si può». Perché «dopo anni di incivili presenze di studenti ubriachi, frikkettoni e punkabbestia, la Piazza Verdi, Parcheggio Esclusivo soc. coop.’, in stretta collaborazione con l’amministrazione comunale ed il comando dei vigili urbani, è lieta di offrirti un comodo parcheggio dinnanzi al Teatro. Finalmente potrai goderti il centro di Bologna, a pochi passi dalle due torri potrai parcheggiare il tuo suv, limousine o auto blu sotto l’occhio vigile dei vigili».

Guglielmo Sano

Leave a Reply

Your email address will not be published.