Da marzo a San Lazzaro fumare diventa privato

Da marzo a San Lazzaro fumare diventa privato

Sigaretta Elettronica e cig

BOLOGNA, 30 GENNAIO  – Da fine marzo sarà vietato fumare nei parchi giochi comunali, nei cortili delle scuole e degli asili e nei luoghi pubblici, quali dehors di bar, esercizi commerciali, ambulatori privati e non, spazi attinenti al pubblico. Questa è l’ordinanza che entrerà in vigore a San Lazzaro.

Il sindaco Marco Macciantelli, ideatore di tale legge, è fiero dell’iniziativa tanto da voler sensibilizzare accuratamente i cittadini con una campagna dimostrativa che si terrà a febbraio. Il sindaco tiene a ribadire un concetto fondamentale: non impone il divieto di smettere di fumare, ma propone una vita salutare almeno negli spazi comuni. Anche per questo verranNo rese punibili con una sanzione i mozziconi di sigarette lasciati per terra negli luoghi pubblici.

Rimane però il dubbio se l’ordinanza sia anti-costituzionale o meno, perché se da un lato tutela la salute del libero cittadino, dall’altro lede la libertà di poter fumare nei luoghi pubblici.

Se fuori da un bar si incontrano un fumatore e un non fumatore, quali dei due può definirsi libero di agire? E’ giusto non “intaccare” la salute di chi non fuma, ma chi non fuma  può restringere il campo d’azione di un fumatore? Entro quali limiti si è liberi o penalmente perseguibili?

Martha Latorre

Leave a Reply

Your email address will not be published.