Un coreano uccide i due figli per divorarli. Aveva fame

Un coreano uccide i due figli per divorarli. Aveva fame

Cannibalismo Florida

BOLOGNA,  30 GENNAIO – Diceva Victor Hugo che “la grandezza dell’uomo dipende dal fatto che sia miserabile”. Secondo lo scrittore, è un miserabile colui che riconosce la propria miseria ed è allo stesso tempo grande perché riconosce di essere miserabile.

Non è questo, il caso dell’uomo coreano che ha ucciso i suoi due figli per farci uno spuntino. Siamo ai limiti del grottesco e dell’orrore. Neanche Hitchcock avrebbe avuto una così fervida immaginazione. Ci aveva pensato Gericault nella sua zattera della medusa, aveva ripreso il tema, quello del cannibalismo, Alessandro Baricco con il suo Oceano mare, e se come aveva scritto Bukowski “l’uomo è – veramente – la fogna dell’universo”, allora occorrerebbe credere che anche l’impossibile diventa possibile.

In Corea del Nord, l’uomo che diventa lupo per l’altro uomo sta diventando realtà. Uno stato di natura, quindi, che non rimane nella filosofia politica di Tommasino Hobbes, ma si traduce purtroppo in realtà. L’uomo civilizzato, pieno di iphone, ipod, cellulari touch e altre diavolerie simili, si è imbarbarito. Fattore scatenante: la fame.

Il nuovo rapporto ONU sulla fame nel mondo nel biennio 2011/2012, ha denunciato 870 milioni di persone malnutrite, per capirci meglio, una persona su otto non ha di che sfamarsi. In Corea del nord, dunque è scattato l’allarme. Il Sunday Times ha dichiarato che la carestia e le continue tensione con la Corea del Sud ha portato la sua gente a compiere gesti terrificanti. Si tratta del signor Park Jae-Sang e il suo Gangnam Style? Qualcosa di peggio.

Gli episodi di cannibalismo sono lievitati. La cronaca ha riportato la storia del padre che ha ucciso i suoi figli per mangiarli, quella del nonno che ha riesumato il cadavere del nipote per divorarlo e di un altro uomo che avrebbe bollito e pappato la figlia. Ammonterebbero ad almeno diecimila le vittime dell’ultima carestia. E per non ripetere i due milioni di vittime degli anni novanta, l’Onu minaccia di attivare seri provvedimenti contro il regime di Kim Jong- un, giovane dittatore che trova prioritario attuare la riforma valutaria del padre e il suo programma missilistico.

Una storia, perciò, che presta ragione a Charles Darwin: “Nella sua arroganza l’uomo attribuisce la propria origine a un piano divino; io credo più umile e verosimile vederci creati dagli animali.” Come dargli torto?

Rachele Minichino

One Response to "Un coreano uccide i due figli per divorarli. Aveva fame"

  1. Sonia  2013/02/06 at 15:59

    Penso che questo articolo sia inutilmente sarcastico (soprattutto il titolo e l’espressione “farci uno spuntino). Inoltre il caso in questione, la cui veridicità deve essere ancora confermata, è presentata attraverso contesti che nulla hanno a che fare con la Corea del Nord e la loro critica situazione.
    Perché chiamare in causa nomi quali Hobbes, Hugo, Hitchcock, Baricco? Per non parlare di iphone, ipod etc… Sono questi oggetti che rendono l’uomo meno barbaro e più civilizzato? Seriamente, sta veramente comparando uomini sotto la classificazione barbaro e civilizzato?

    Le chiedo inoltre di rivedere il titolo dell’articolo e riferirsi a NORD coreani, poiché, come lei ben saprà, non ci sono solo generici coreani ma NORD coreani e SUD coreani.

Leave a Reply

Your email address will not be published.