Calciomercato Bologna: al problema portiere si aggiunge il caso Portanova

Calciomercato Bologna: al problema portiere si aggiunge il caso Portanova

Calciomercato Bologna: al problema portiere si aggiunge il caso PortanovaBOLOGNA, 23 GENNAIO – Non sono ore facili in casa rossoblù: il mercato è caratterizzato da un preoccupante immobilismo, anche in virtù delle parole di Pioli, il quale punta ad un forte assottigliamento della rosa. Trenta giocatori sotto contratto sono decisamente troppi e prima di intavolare qualsiasi trattativa in entrata (le priorità sono un portiere e una punta), è necessario privarsi di numerosi elementi.

Capitolo portiere: i nomi in lista sono sempre gli stessi (Viviano, Rosati e Bizzarri), ma è inutile nascondere le evidenti problematiche. Innanzitutto è necessario piazzare Curci, che ha poco mercato sia in Italia che all’estero. Inoltre, ammesso e non concesso che una sua cessione avvenga, anche per accaparrarsi uno dei tre nomi prima citati, le difficoltà ci sono. Viviano sta vivendo un periodo di riflessione: la volontà del giocatore è quella di avere la garanzia di un posto da titolare, che il Bologna gli offrirebbe, per poter rientrare nel giro della nazionale. Tuttavia società e tifoseria viola hanno espresso il desiderio di una sua permanenza e l’ex rossoblù non ha mai nascosto di essere un tifoso della Fiorentina. Inoltre attenzione alla concorrenza del Milan, che ha messo gli occhi sul giocatore. Per quanto riguarda, invece, Rosati, il Napoli è alla ricerca del vice De Sanctis, che sembra aver trovato in Jesper Hansen, ma portarlo in Italia non sarà semplice. Un’eventuale riuscita dell’operazione, dovrebbe liberare l’attuale secondo portiere in favore del Bologna. Infine, le problematiche relative a Bizzarri riguardano principalmente la carta d’identità: 35 anni non possono rappresentare un investimento per il futuro.

Il quadro che emerge, dunque, non è per nulla rassicurante. Ad aggravare la situazione, il caso Portanova: il difensore è teoricamente fuori dal mercato, ma un mancato rinnovo di contratto, proposto dall’agente del giocatore e rifiutato dalla società, avrebbe incrinato i rapporti tra le parti. Il Genoa è alla finestra, pronto ad approfittare delle disgrazie altrui. In uscita quasi certo l’addio di Acquafresca (Levante, Stoccarda e Chievo su di lui). E il sostituto sarebbe il vecchio pupillo di Pioli, Moscardelli, non certo uno di primo pelo: 33 primavere sono un po’ troppe!

Riccardo Rollo

Leave a Reply

Your email address will not be published.