Presentate le Liste Pdl in Emilia Romagna. Ira tra i berlusconiani bolognesi esclusi

Fanno rumore le esclusioni dei vertici cittadini del partito di Berlusconi

Presentate le Liste Pdl in Emilia Romagna. Ira tra i berlusconiani bolognesi esclusi

Liste Pdl Emilia RomagnaBOLOGNA, 23 GENNAIO L’ex-ministro Brambilla sarà in prima fila, tra i candidati deputati del Pdl, in Emilia-Romagna. A fare compagnia alla “rossa” troviamo Paolo Foschini, più volte consigliere comunale. Tra gli altri candidati vediamo comparire i nomi di Sergio Pizzolante, Giovanni Mottola, Deborah Bergamini, Elio Massimo Palmizio, Francesco Biava, Alberto Giorgetti, Fabrizio Toselli.

Non nascondono amarezza e delusione gli esclusi. A cominciare dal campione di preferenze Galeazzo Bignami, ex An da poco capogruppo regionale, che si è detto scosso e indignato per la mancata presenza in lista dei vertici locali del partito. Un’esclusione che di certo non si aspettava neanche Fabio Garagnani che commenta: “la cancellazione della mia candidatura in mattinata, con un atto di arroganza, senza neanche informarmi, non mi toglie la serenità dovuta alla consapevolezza di avere svolto fino in fondo il mio dovere di parlamentare bolognese ed emiliano-romagnolo”. Per quest’ultimo è chiaro che la direzione nazionale del partito non ha letto bene l’atmosfera politica riscontrabile nel paese, che richiede la presentazione di candidati particolarmente legati al territorio. Invece le liste dell’Emilia-Romagna  assomigliano di più a una “colonia” di candidati provenienti da altre regioni. Tale dato, per Garagnani, evidenzia che hanno pesato più amicizia e rapporti personali che capacità e competenze. Sottolinea questo aspetto anche Giampaolo Bettamio, berlusconiano doc fatto fuori a questo giro, facendo notare che: “della nostra regione, nelle lista elettorale della Camera, di eleggibili ce ne sono solo due”. Infatti solo Palmizio, tra gli ex-Forza Italia, sembra essere certo dell’elezione, mentre Foschini, proveniente dall’area di Comunione e Liberazione e ottavo in lista, verrà eletto solo se le cose andranno bene a livello nazionale. Neanche l’ex-An Berselli potrà correre per la sua nona legislatura.

APPRFONDIMENTI  Dove sposarsi in Riviera Romagnola: tre destinazioni da sogno

Al Senato, oltre all’ex presidente del consiglio, abbiamo la candidatura di Anna Maria Bernini, oltre a quella di Carlo Giovanardi e dell’ex-ministro, ex-sindaco di Roma, ex-presidente della Federcalcio Franco Carraro.

Tra i bolognesi viene promossa soltanto l’ex-ministro Anna Maria Bernini, nella lista per il Senato subito dopo il leader del Pdl. Praticamente i vertici del Pdl di Bologna sono stati completamente ridimensionati, abbattuti, decapitati. Dopo l’arresto di Villani, che oggi è ai domiciliari, continua la tribolata vicenda del partito di Berlusconi sotto le due torri. I tempi del sindaco Guazzaloca, i tempi in cui Forza Italia era in maggioranza ovunque, sembrano definitivamente tramontati.

Guglielmo Sano

Leave a Reply

Your email address will not be published.