Gilardino riuscirà a salvare il Bologna?

BOLOGNA, 27 NOVEMBRE – Arrivato in prestito dal Genoa dopo l’esperienza fallimentare (14 presenze e 4 reti), Alberto Gilardino, in 12 presenze con la maglia del Bologna, ha già fatto meglio della scorsa stagione siglando 6 reti, tutte in campionato.

Sforzo vano, perché i Felsinei si trovano ancora una volta costretti a lottare per la salvezza, come succede ormai costantemente dall’ultima promozione in Serie A (2007/8). Va ricordato comunque l’exploit dello scorso campionato, concluso al nono posto grazie allo sprint nel finale. Privo di rivali pericolosi (Gabbiadini e Acquafresca) e con la sicurezza di poter giocare quasi sempre da titolare, l’attaccante di Biella può ancora dare molto, specialmente in un contesto come quello emiliano, dove la pressione è ovviamente presente ma non come nelle grandi piazze.

A Milano, infatti, Gilardino ha fallito le aspettative con appena 36 reti in 94 gare e mai decisive. Prelevato dal Diavolo dopo l’ottimo triennio al Parma (50 reti in 96 presenze), l’attaccante, con la maglia rossonera, entra in una zona d’ombra. Nonostante la fase positiva della vittoria del mondiale, Gilardino uscirà dall’impasse solo a Firenze, dove ritrova il suo mentore Pranedelli e la via del gol con regolarità. L’esperienza Viola si conclude nel 2012 e con un saldo di 48 gol in 118 presenze, senza tuttavia mai vincere il titolo di capocannoniere.

Il Grifone sborsa 8 milioni di euro, ma nel giro di un anno terribile (in generale) lo cede in prestito al Bologna con diritto di riscatto. Il Bologna non è oggettivamente nella rosa delle favorite per la vittoria finale della Serie A, né per i posti europei (visitare questo sito per avere ulteriori informazioni sui possibili vincitori del Campionato), nonostante il valido supporto di un campione che proprio a Bologna sembra aver ritrovato entusiasmo e motivazione.

APPRFONDIMENTI  Dove sposarsi in Riviera Romagnola: tre destinazioni da sogno

A livello personale, il debutto con la maglia felsinea è infatti dei migliori, visto che Gilardino è andato sempre in rete nelle prime presenze (contro Roma, Pescara e Catania). A livello generale, invece, la formazione di Pioli non può gioire, raggiunta in classifica, all’ultimo posto, dal Siena, partito con un penzalizzazione di 6 punti, e dal Pescara neopromosso.

Il tallone di Achille del Bologna sono decisamente le trasferte: lontano dal Dall’Ara sono arrivati appena 3 punti (successo per 2-3 a Roma contro la Lupa) e 7 sconfitte. Anche la difesa dei rossoblù è sotto esame, considerando che la differenza reti è negativa, ma il contributo di Alberto Gilardino è innegabile avendo realizzato 6 delle 15 reti totali del Bologna. E il Campionato è ancora lungo.

Il prossimo impegno del Bologna in Serie A sarà l’arrivo dell’Atalanta. Il bookmaker Betclic propone una quota di 2.40 sulla vittoria dei padroni di casa. Cliccare qui per leggere la scheda del sito di scommesse e provare a puntare sulla vittoria del Bologna. Ci sono anche bookmakers che propongono di scommettere sulla possibilità di una squadra di segnare un bol. E potrebbe essere proprio Gilardino a segnare per i Felsinei.

Leave a Reply

Your email address will not be published.