Elezioni Regionali Sicilia: trionfa Crocetta ma è boom per il M5S. I risultati ufficiali

Elezioni Regionali Sicilia: trionfa Crocetta ma è boom per il M5S. I risultati ufficiali

PALERMO, 29 OTTOBRE – Quando ormai risultano scrutinati più dei trequarti dei seggi si può iniziare a vedere con chiarezza qual è la nuova situazione politica siciliana all’indomani del voto per il rinnovo del consiglio regionale e per la nomina del nuovo presidente, che ormai quasi certamente sarà Rosario Crocetta.

Vediamo nel dettaglio la situazione quando risultano scrutinati 4.830 seggi su 5.308:
Rosario Crocetta, sostenuto da PD, UDC, Mp e Unione Consumatori, appare saldamente in testa con il 31% dei voti. Con un distacco di circa 6 punti, esattamente con il 25.3% c’è Sebastiano Musumeci, sostenuto da PDL, Cantiere Popolare, Musumeci presidente e Adc. Poi seguono Giovanni Carlo Cancellieri del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo con il 17.90%, Giovanni Miccichè appoggiato da Mpa, Grande Sud, Fli e Ppa, con il 15.60%, Giovanna Marano, IDV, Sel, Federazione della Sinistra e Verdi, ottiene il 6%, Mariano Ferro del Popolo dei Forconi con il 1.70%, Cateno de Luca, Rivoluzione Siciliana, con 1.20%, Gaspare Sturzo, Sturzo Presidente, 1%, Giacomo di Leo, Pcl, 0.20% e infine Lucia Pinsone, Voi, 0.20%.

Particolarmente interessanti appaiono anche i risultati ottenuti dai vari partiti, in modo specifico si nota il rilevante risultato ottenuto dal Movimento 5 Stelle che al momento è il primo partito dell’isola con il 14,70% dei voti, il secondo è il PD con un 13.60%, ma altrettanto sorprendente è il risultato del PDL che è passato dal 33,5 % delle regionali 2008 al 12,5% ottenuto in questa tornata elettorale.

Crocetta, soddisfatto del risultato ottenuto, dichiara che “con me cambia la storia”, altrettanto contento è Bersani, ma ancora di più è Beppe Grillo che attraverso il suo blog afferma che stanno per affrontare qualcosa di eccezionale, e Cancellieri afferisce che l’effetto Parma è stato trascinante. Dall’altra parte bisogna rilevare che il risultato più elevato è stato ottenuto dal partito di coloro che si sono astenuti, più del 50% dei chiamati a votare non si è presentato davanti alle urne.

Amalia Salsi

APPRFONDIMENTI  Mercato immobiliare: a Bologna aumentano le compravendite

Leave a Reply

Your email address will not be published.