Castelfranco, malato di distrofia muscolare sfrattato. La protesta di Giorgio Pagano

Castelfranco, malato di distrofia muscolare sfrattato. La protesta di Giorgio Pagano

BOLOGNA, 15 OTTOBREGiorgio Pagano si è trasferito oggi sotto il Comune di Castelfranco Emilia con una tenda fatta esclusivamente di lenzuola per protestare contro le istituzioni. Il 31 dicembre prossimo è fissato lo sfratto forzato dalla sua abitazione, ma Giorgio preferisce morire prima sotto la casa delle istituzioni che avrebbero potuto evitare tutto ciò tramite l’assegnazione di una casa popolare e di un piccolo aiuto economico, oltre che del servizio di assistenza domiciliare

Giorgio dice “che non è né una minaccia né un ricatto, ma solo l’ultimo grido di protesta” del 33enne di Castelfranco Emilia, malato da 3 anni di distrofia muscolare, cardiopatico con defibrillatore impiantato al cuore e respiratore automatico per 16 ore al giorno. Dopo aver tentato il suicidio, lo scorso 24 ottobre, aveva intrapreso lo sciopero della fame e dei farmaci per provocare le istituzioni, ma dal sindaco ancora nessun contributo economico per pagare affitto o assistenza domiciliare.

Oggi Giorgio ha iniziato di nuovo lo sciopero della fame e dei farmaci e dalla disperazione si è anche strappato i punti di un intervento fatto 7 giorni fa. Giorgio, tutto infreddolito nella sua casetta fatta di lenzuola, è pronto a passare la sua prima notte quasi rassegnato per la sua fine. Sotto il Comune spiccano tanti striscioni e centinaia di persone accorse per regalare parole di conforto all’uomo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.