Bologna, il Carcere della Dozza sta per esplodere

Bologna, il Carcere della Dozza sta per esplodere

BOLOGNA, 6 SETTEMBRE – Il Comitato per la prepotente urgenza, fondato dall’Onorevole Alfonso Papa e dalle Associazioni “Papillon” di Rimini e “Recuperiamoci” di Prato, ha appreso con sgomento i risultati della prima relazione semestrale 2012 svolta dalla Ausl sulla situazione igienico-sanitaria del carcere della Dozza di Bologna.

A fronte di 483 posti disponibili si contano nella Dozza 1008 detenuti. Ma ciò che ci indigna maggiormente è la situazione igienica dei detenuti, con gravi rischi per la loro salute: blatte ed altri tipi di animali infestanti popolano purtroppo ogni sezione, e non a caso si è registrato un caso sospetto di scabbia, oltre ad altri casi accertati di patologie gravi come Epatite e tubercolosi.

Stupisce poi negativamente il bassissimo numero di detenuti lavoratori, solo il 9%. Tutto questo ci conferma, ancora una volta, il gravissimo stato di abbandono in cui versano le Carceri italiane.

Il Comitato ha iniziato uno stato di mobilitazione permanente su questo tema, verranno portate avanti iniziative a favore del lavoro carcerario e del recupero dei detenuti.

L’Onorevole Alfonso Papa, che ha già visitato numerosi istituti penitenziari italiani, e sarà presto a Bologna per ispezionare il Carcere, rilancia, perciò, con forza la richiesta di un provvedimento di clemenza, già avanzato oltre un anno fa dal Presidente della Repubblica.

Con la ripresa dell’attività parlamentare auspichiamo inoltre che la proposta di legge del deputato Papa sulla limitazione dei casi e della durata della carcerazione preventiva possa finalmente essere approvata, poichè solo misure di grande impatto come queste possono risolvere la grave situazione endemica di disagio del pianeta Carcere.

Francesco Bragagni

APPRFONDIMENTI  Dove sposarsi in Riviera Romagnola: tre destinazioni da sogno

Leave a Reply

Your email address will not be published.