Jack Onion: falso agente di modelle fa prostituire due ragazze, arrestato dalla polizia

Jack Onion: falso agente di modelle fa prostituire due ragazze, arrestato dalla polizia

BOLOGNA, 18 LUGLIO – Giacomo Cipollone, di Milano, su Fb si era creato un profilo “Jack Onion“ che un po’ ricordava il suo vero nome. Alle persone, invece, si presentava come Marco Rizzoli, vendendosi per agente di moda e non esitando a dire in giro di essere il presidente della casa editrice Rizzoli.

Le bugie che hanno permesso a quest’uomo privo di scrupoli di raggirare e far prostituire per due anni due giovani bolognesi (che oggi hanno 18 e 23 anni) erano troppe: per giustificare le continue richieste di contanti che faceva alle due ragazze, ad esempio, diceva di avere un mucchio di soldi ‘bloccati’ in un conto in Svizzera. Oppure, quando una di loro ha scoperto che il suo vero nome era Giacomo e non Marco, si è inventato che gli serviva una finta identità, perché degli uomini lo volevano uccidere. Si vantava poi di avere conoscenze nel mondo della moda e prometteva alle ragazze che le avrebbe fatte sfilare. In realtà, ha fatto fare loro foto (e anche un film) osé e le ha indotte a prostituirsi, facendosi consegnare tutti i soldi che potevano, anche 400 euro al giorno: in due anni, le ragazze gli hanno dato circa 60.000 euro, in parte denaro ricevuto dai clienti, in parte anche “paghette”’.

EURO, COCAINA E VIDEO POKER

Cipollone scialacquava tutti i denari in fretta, tra cocaina e videopoker. Basta pensare che quando la Polizia lo ha arrestato, venerdì è andata a prenderlo al dormitorio per senza fissa dimora di via Sabatucci, dove l’uomo si era rifugiato dopo essere stato piantato in asso definitivamente dalle due ragazze. L’uomo ora è in carcere e deve rispondere di accuse molto gravi: induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, produzione e commercio di materiale pornografico e anche violenza sessuale, perché avrebbe costretto la ragazza minorenne ad avere con lui un rapporto.

L’arresto di venerdì è scattato sulla base di un decreto di fermo firmato dal PM Laura Sola, che poi nei  giorni successivi è stato convalidato dal Gip Bruno Perla, che ha confermato l’occorrenza del carcere. Nell’indagine, condotta dagli uomini della sezione della Squadra mobile diretti da Elena Ceria, è indagata un’altra persona, un bolognese sui sessant’anni: l’uomo che ha girato il film hard alla più giovane delle due ragazze. La pellicola è stata poi venduta da Cipollone ad una casa di produzione che lo ha commercializzato online su una piattaforma di film amatoriali, dove la Polizia lo ha individuato. Un’altra copia, gli uomini della Squadra mobile l’hanno trovata a casa di questo bolognese, che ora è indagato per estorsione: non aveva più smesso di “tampinare” la ragazza protagonista del film, appostandosi anche fuori da scuola per offrirle denaro in cambio di sesso.

L’ODISSEA DELLE VITTIME DI CIPOLLONE

L’odissea delle due ‘vittime’ di Cipollone, che si erano innamorate di lui e ne erano totalmente soggiogate anche a livello psicologico, come spiega la Polizia, è iniziata un paio di anni fa, nella primavera del 2010. L’indagine su “Jack Onion”, invece, è partita solo all’inizio del maggio scorso, quando la più grande delle due, la diciottenne era già uscita dall’incubo quasi un anno fa, ha trovato il coraggio di raccontare tutto ad un amico poliziotto. Nel 2010 la minorenne, che allora aveva solo 16 anni, ha conosciuto “Marco Rizzoli” a Milano, ad una sfilata di moda, dove la ragazzina era andata con la madre. All’altra ragazza, invece, che aveva ventuno anni e aspirava a fare la modella, lo aveva presentato un’amica minorenne, anche lei imbattutasi in lui negli ambienti delle sfilate milanesi, dove Cipollone si infiltrava ostentando chissà quali conoscenze.

In questi due anni, l’uomo, che ha avuto rapporti sessuali con entrambe, come documentano alcune immagini, le ha convinte prima a posare per scatti ose’, poi anche a prostituirsi. Entrambe, inizialmente, non ne volevano sapere, ma lui le ha sapute raggirare e convincere. I clienti erano suoi conoscenti, ma anche persone trovate tramite annunci su internet, nei ‘soliti’ siti per incontri sessuali, dove le ragazze erano presentate come “vere emiliane”, “di altissimo livello” e “giovanissime”. Cipollone aveva detto loro che avrebbero potuto guadagnare anche 10.000 euro a incontro.

Erano pagate 200-300 euro e incontravano i clienti due-tre volte alla settimana in hotel o a casa loro. Ci sono stati anche incontri con più uomini insieme, sembrerebbe anche facendo loro assumere una specie di droga preventiva. Se la ragazza maggiorenne viveva da sola (aveva avuto problemi con la famiglia e aveva la fissa della moda), la minorenne invece in questi due anni ha continuato a frequentare la scuola. La sua famiglia (i genitori sono professionisti benestanti) si era insospettita del rapporto con Cipollone (sparivano anche soldi da casa, visto che lei gli consegnava tutte le sue ‘paghette’ a quell’uomo).

Un anno fa, quando la giovane aveva deciso di scappare di casa, la madre chiamò il 113 e gli agenti identificarono sotto casa sua Cipollone, che disse di essere un amico della ragazza.

Il fatto non ebbe conseguenze, anche se poco dopo la ragazza, con l’aiuto della famiglia, riuscì a chiudere i rapporti con Cipollone, l’altra ragazza, invece, ha continuato a seguirlo e vivere con lui tra un albergo e l’altro. A inizio maggio però, si è sfogata con un poliziotto che frequentava il suo gruppo di amici: lui ha scritto una relazione e la Squadra mobile si è messa in moto, ha trovato la ragazza e l’ha convinta finalmente con un po’ di fatica a denunciare “Marco Rizzoli-Jack Onion”, ovvero Giacomo Cipollone.

Maria Francesca Cadeddu

Leave a Reply

Your email address will not be published.