Bologna, sabotaggio Tav: uncini sulla linea bloccano un Frecciarossa

Bologna, sabotaggio Tav: uncini sulla linea bloccano un Frecciarossa

Bologna sabotaggio TavBOLOGNA, 16 LUGLIO – Viaggiare in treno sta diventando sempre più problematico in quel di Bologna. Se il deragliamento di un regionale avvenuto sabato scorso, nel quale erano rimaste ferite 26 persone, era da imputare ad un incidente, oggi si allunga l’ombra del sabotaggio sul Frecciarossa 9501 Milano-Roma, rimasto bloccato alle 6.25 tra le stazioni di Ponte Samoggia e Anzola Emilia, tra le province di Modena e Bologna, a pochi chilometri dal capoluogo regionale.

Il treno è stato costretto a fermarsi da due uncini agganciati alla linea aerea di alimentazione, che hanno danneggiato il pantografo del Frecciarossa. La circolazione dell’Alta Velocità  è tornata a procedere su entrambi i binari verso le 12.30, dopo che per l’intera mattinata i treni Tav hanno viaggiato su un unico binario tra Anzola Emilia e Modena.

Tecnici delle Ferrovie dello Stato, Polfer e Carabinieri stanno conducendo rilevamenti sul posto. Le indagini di Polfer e Digos, al momento, non escludono alcuna pista, ma, sebbene non sia ancora possibile fare un’ipotesi, secondo la Questura l’idea del sabotaggio appare la più plausibile. Le modalità dell’azione ricordano, infatti, i metodi di sabotaggio descritti nei manuali anarco-insurrezionalisti.

D’altronde, non è la prima volta che succede: il 15 agosto del 2004, la Digos scoprì un tentativo di sabotaggio sulla linea Bologna-Firenze, fatto con la medesima modalità dei ganci posizionati sopra i cavi dell’elettricità. La natura eversiva del gesto fu confermata quando la polizia trovò nei pressi del misfatto un pacco di volantini di stampo anarco-insurrezionalisti. Il 24 gennaio del 2007, invece, la Polfer trovò un gancio collegato con una corda alla linea di alimentazione della tratta ferroviaria Milano-Bologna, dopo che un treno aveva dato l’allarme essendoci passato sotto, fortunatamente senza riportare danni.

Giovanni Gaeta
giogaeta@interfree.it

APPRFONDIMENTI  Droni e privacy: un rapporto difficile da portare avanti

Leave a Reply

Your email address will not be published.