Bologna treno deraglia a Lavino di Mezzo: 18 feriti e testimonianze (Esclusiva)

Bologna treno deraglia a Lavino di Mezzo: 18 feriti e testimonianze (Esclusiva)

BOLOGNA, 14 LUGLIO Ore 9.40 di questa mattina: l’interregionale 2855 Voghera-Rimini deraglia alle porte di Bologna, in località Lavino di Mezzo.

Il treno, che viaggiava a circa 140 km/h, è uscito dai binari e si è appoggiato alla massicciata inclinato di 45 gradi. 400 i passeggeri a bordo, di cui una ventina ha riportato contusioni; 18 i feriti, tra i quali uno è stato accompagnato in ospedale per accertamenti, ma nessuno ha riportato lesioni gravi.

A seguito dell’incidente il traffico ferroviario ha subito rallentamenti, provocando ritardi di 60-80 minuti. In un comunicato pubblicato sul proprio sito, Trenitalia ne attribuisce le cause a un “inconveniente tecnico”, ma intanto il pm di Bologna Francesco Caleca ha aperto un fascicolo sull’incidente: l’ipotesi di reato è “disastro ferroviario colposo”.

Le cause del deragliamento devono ancora essere accertate, ma Sandro Giuliano – dirigente Polfer dell’Emilia-Romagna – parla di “probabile problema ai deviatori”.

La testimonianza di un passeggero: “solo il capotreno ci ha aiutati” 

Rocco Cazzato, un giovane informatico diretto a Bologna, afferma che poco prima al momento dell’uscita dai binari “ci sono stati forti scossoni e qualcuno è caduto, anche se per fortuna nessuno si è fatto troppo male”.

Ma prosegue indignato: “Non abbiamo visto né Polfer né addetti di Rfi. Soltanto il capotreno, che, spiegandoci che il traffico sulla linea era stato bloccato, per cui non c’era alcun pericolo, ci ha convinti a raggiungere a piedi la stazione di Lavino di Mezzo camminando in fila indiana sulla massicciata e in alcuni tratti anche sulle rotaie. Peccato che alla stazione di Lavino non c’era nessuno ad aspettarci. A quel punto chi ha potuto, come me, ha chiamato qualche amico, gli altri hanno chiamato a proprie spese dei taxi”.

Treno regionale deraglia a Bologna : le prime immagini
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Zin_vwwxNSE[/youtube]
Beatrice Amorosi
beatrice.amorosi@gmail.com

APPRFONDIMENTI  Droni e privacy: un rapporto difficile da portare avanti

Leave a Reply

Your email address will not be published.