Omicidio suicidio Clara Comellini e Roberto Rizzi a Bandinella di Marzabotto

Omicidio suicidio Clara Comellini e Roberto Rizzi a Bandinella di Marzabotto

MARZABOTTO (Bologna), 13 LUGLIO – Macabra scoperta stamattina a Bandinella di Marzabotto, sull’Appennino bolognese. La madre e il figlio, Clara Comellini e Roberto Rizzi, lei di 88 anni, lui di 57 anni, sono stati trovati morti nella loro abitazione.

Si pensa ad un omicidio-suicidio, ma sono in corso gli accertamenti dei carabinieri: l’uomo avrebbe ucciso la madre 88enne sparandole con la pistola che deteneva legalmente e poi avrebbe rivolto l’arma verso di sè, togliendosi la vita.

A scoprire i cadaveri, questa mattina, un amico del figlio, di 62 anni: intorno alle 7,30 l’uomo stava tagliando la legna insieme al 57enne, dopo circa un’ora si è allontanato per compiere delle commissioni, ma al suo ritorno ha rinvenuto  i corpi senza vita dell’amico e dell’anziana madre ed ha avvisato i carabinieri.

La donna, nata a Sasso Marconi e residente a Marzabotto, aveva alcuni problemi di salute dovuti anche all’avanzata età. Non è escluso che l’omicidio-suicidio possa essere maturato per problemi di gestione nell’assistenza dell’anziana. Non risulta che l’uomo, nato a Bologna e residente a Castel di Casio avesse particolari problemi economici.

Le indagini sono tuttora in corso.

Ad ogni modo, Rizzi avrebbe confidato all’amico di attraversare un brutto periodo e di sentirsi depresso. Nella casa di Marzabotto sono intervenuti i carabinieri della stazione locale, del nucleo Operativo di Vergato e del Sis (“Sezione investigazioni scientifiche)”, oltre al PM di turno Enrico Cieri.

Maria Francesca Cadeddu
m.francesca1011@gmail.com

Leave a Reply

Your email address will not be published.