Santoro-La7, questo matrimonio s’ha da fare

Santoro-La7, questo matrimonio s’ha da fare

ROMA, 5 LUGLIO – Forse Manzoni l’avrebbe detta così, la travagliata love story tra il conduttore e la rete di proprietà telecom è finita. L’anno scorso, dopo la rottura con la Rai, Michele Santoro aveva intrapreso le trattative per sbarcare a La7, ma tutto finì con un nulla di fatto.

IN DIRETTA

Ad annunciare la lieta notizia, è stato il direttore del TG Enrico Mentana, in apertura dell’edizione serale del notiziario. Anticipando tutte le principali notizie ha confermato i rumors delle ultime ore, annunciando l’accordo tra le due parti.

PALINSESTI

Nella giornata di oggi, LA7 ha reso noti i palinsesti per la prossima stagione, con le novità che arrivano proprio da Santoro e da Cristina Parodi, con un programma sull’attualità. Ci sarà, inoltre, un altro graditissimo ritorno, dal 2013 sarà protagonista Roberto Saviano. Confermatissimi Geppi Cucciari, Crozza e Gad Lerner.

SERVIZIO PUBBLICO

Michele Santoro continuerà con “Servizio pubblico”, il format che ha avuto successo quest’anno. L’ad Stella ha confermato che il conduttore avrà carta bianca sul contenuto delle sue trasmissioni, ma qualora ci fossero problemi, ne risponderà personalmente. Proprio questo era il nodo da sciogliere l’anno scorso tra le due parti, infatti, tutto saltò perché Santoro non avrebbe goduto di totale libertà nel dare vita alla propria trasmissione.

Da settembre, si alternerà con l’altro programma di approfondimento condotto da Corrado Formigli, il pupillo di Santoro, che quest’anno ha ricevuto un buon riscontro di pubblico con “Piazza pulita”.

Come per l’anno passato, il talk-show politico, dovrà sostenere la concorrenza della Rai che riproporrà “L’ultima parola” di Paragone e l’immortale Porta a Porta di Bruno Vespa.

Riuscirà Santoro a sbaragliare la concorrenza? Sicuramente lui ne è convinto, visto che parte dello stipendio che percepirà, sarà legata agli ascolti del programma stesso. Una bella scommessa.

Angelo Tosiani

APPRFONDIMENTI  Droni e privacy: un rapporto difficile da portare avanti

Leave a Reply

Your email address will not be published.