Effetto Sanitopoli, la Lega Nord contro il governatore Formigoni. Elezioni nel 2013

Effetto Sanitopoli, la Lega Nord contro il governatore Formigoni. Elezioni nel 2013

MILANO, 25 GIUGNO – «Mi interessa capire se questa vicenda rende possibile la continuazione del governo della Regione Lombardia fino al 2015, perché ci sono ragioni di merito che valuterà il giudice e poi ci sono ragioni di opportunità politica che a volte rendono difficile o addirittura impossibile continuare». Firmato Roberto Maroni.

Con queste parole l’ex Ministro dell’Interno ha risposto ai giornalisti che lo incalzavano sull’inchiesta “Sanitopoli” e sulla difesa a oltranza del Governatore Formigoni, un uomo che appare sempre più solo al comando di una nave che sta lentamente affondando.

La dichiarazione di fuoco del nuovo dominus del Carroccio sembra preannunciare il ritiro della fiducia da parte della Lega Nord alla giunta regionale guidata da Formigoni e un possibile “commissariamento”  della Regione fino alle nuove elezioni che dovrebbero essere accorpate alle politiche nel 2013.

A rincarare la dose ci hanno pensato il capogruppo della Lega in Regione, Stefano Galli e il vicepresidente della Regione Lombardia Andrea Gibelli: «Nelle prossime settimane faremo una valutazione attenta in merito all’ipotesi di un eventuale abbinamento delle elezioni regionali con le politiche del 2013. Riteniamo infatti che non necessariamente si possa arrivare alla scadenza naturale e quindi subito dopo il congresso dei primi di luglio approfondiremo questo ragionamento».

Formigoni, solitamente molto attento all’aspetto mediatico della politica, non ha ancora commentato pubblicamente le dichiarazioni dei vertici della Lega, a dimostrazione di quanto la situazione sia seria e meriti un approfondimento. Non è da escludere che nei prossimi giorni Formigoni incontri Berlusconi per discutere insieme una strategia e provare una disperata moral suasion con Bossi.

Simone De Rosas 

Leave a Reply

Your email address will not be published.