Oggi la terza prova dell’esame di maturità, il Quizzone scatena le polemiche

Oggi la terza prova dell’esame di maturità, il Quizzone scatena le polemiche

BOLOGNA, 25 GIUGNO – E’ stato il giorno della terza prova di maturità per i quasi cinquecentomila maturandi dell’anno scolastico 2011/2012.

L’ultima prova scritta prevede domande a risposta aperta o chiusa (a scelta multipla) su cinque materie dell’ultimo anno scelte dalla commissione esaminatrice.

Generalmente è considerata la più antipatica delle tre prove scritte, per l’imprevedibilità delle materie che compariranno, il che, almeno in teoria, costringe a ripassare tutto il programma, e per la tipologia “variabile” della domanda e quindi della risposta.

Prontamente, il sito studenti.it ha presentato un sondaggio che rivela che questa mattina il 29% degli studenti ha copiato l’intero scritto, il 19% lo ha copiato abbastanza, il 9% così così e il 40% non è riuscito a copiare.

Sulla pagina Facebook e Twitter di studenti.it sono state pubblicate sin dai primi minuti d’esame le foto dei quesiti, scatenando una collaborazione solidale per aiutare i maturandi a rispondere correttamente.

La spiegazione di questa preoccupante incapacità di controllo da parte dei professori è rivelata da Marta Ferrucci, responsabile del portale studentesco: «Nonostante le precauzioni prese dalle scuole i maturandi riescono a comunicare con l’esterno, indipendentemente dal tipo di prova e dalla modalità con cui queste vengono trasmesse. Come mai? la risposta è nella dichiarazione che ha fatto un prof qualche giorno fa: “Le nostre cattedre sono ricoperte di modelli vecchissimi di cellulari mentre in tasca probabilmente i maturandi tengono l’iPhone di ultima generazione”».

p style=”text-align: justify;”>Ma allora, se gli esaminatori sanno che gli studenti consegnano un cellulare vecchio come “facciata” per poi servirsi dei più recenti strumenti di comunicazione per fotografare, pubblicare su internet e farsi aiutare a rispondere, come mai non agiscono di conseguenza?

Un’altra considerazione che incrina l’equilibrio della terza prova di maturità riguarda il fatto che le materie e le domande sono scelte dalla commissione esaminatrice di ogni singola sezione.

Il sito skuola.net rivela che, nonostante la legge imponga che materie e quesiti siano tenuti segreti, alcuni professori “elastici” darebbero indicazioni sulle cinque discipline su cui prepararsi e anche su qualche domanda.

Secondo un sondaggio on-line di skuola.net uno studente su cinque conoscerebbe le materie e alcune domande; uno su tre le materie; il restante 45% sarebbe invece all’oscuro di tutto. Lo scorso anno, i risultati dello stesso sondaggio furono praticamente identici.

Tuttavia, anche senza la soffiata del prof, basta sapere per quali materie sono abilitati i docenti che prendono parte alle commissioni ed eliminare quelle oggetto di prima e seconda prova: le rimanenti entreranno nel cosiddetto “quizzone”.

Per evitare la totale perdita di controllo e di serietà della terza prova dell’esame di maturità, c’è chi invoca un test unico a seconda della tipologia di scuola, uno scritto “nazionale” curato dall’Invalsi.

Se questa proposta andrà avanti ci sarà parecchio da discutere: all’evocazione dell’Invalsi infatti gli studenti delle superiori non reagiscono propriamente bene.

Ilaria Facchini

APPRFONDIMENTI  Il Times incorona Bologna: 'Fico' è tra le tappe da scoprire

One Response to "Oggi la terza prova dell’esame di maturità, il Quizzone scatena le polemiche"

  1. Toretto  2013/01/15 at 15:53

    Un augurio va sicuramente ai maturandi che in questo anno scolastico si accingeranno a preparare l’esame di stato.

Leave a Reply

Your email address will not be published.