Crisi dell’Euro, gli occhi del mondo sul vertice di Roma. Tutti contro la Merkel

Persuadere Angela Merkel ad aprire i cordoni del Fondo Salva Stati non sarà un’impresa semplice

Crisi dell’Euro, gli occhi del mondo sul vertice di Roma. Tutti contro la Merkel

ROMA, 22 GIUGNO – Gli occhi e le speranze di tutto l’ambiente economico europeo sono puntati su Roma, dove oggi pomeriggio si terrà l’atteso incontro tra la cancelliera Merkel, il presidente francese Hollande, il Premier Monti e il suo omologo spagnolo Rajoy, in vista del Consiglio Europeo che si svolgerà a Bruxelles il prossimo 28 e 29 giugno.

I quattro leader si sono dati appuntamento a Villa Madama per concordare una strategia economica comune da presentare la settimana prossima al vertice europeo.

LE RESISTENZE DELLA MERKEL

L’impresa di Monti, Hollande e Rajoy, che si preannuncia ardua, sarà convincere Angela Merkel ad ammorbidire la stretta sul Fondo Salva Stati e concedere ai Paesi europei più in difficoltà (Grecia, Spagna e Italia) di utilizzare i denari provenienti dall’Unione Europea per comprare Titoli di Stato in modo da scongiurare attacchi speculativi (che la scorsa estate mandarono l’Italia sull’orlo del baratro economico), far ritornare lo spread sotto il livello di guardia e dare respiro alle borse che anche oggi hanno aperto in forte ribasso.

I leader dei principali Paesi europei dovranno inoltre esaminare la richiesta della Grecia di rivedere le condizioni di rientro dal prestito per riuscire a raggiungere gli obiettivi di bilancio.

MOODY’S

Il vertice, che si annuncia tutt’altro che cordiale, arriva immediatamente dopo il declassamento da parte dell’agenzia di rating Moody’s di 15 grandi banche mondiali: le europee BNP Paribas, Deutsche Bank, Credit Suisse, Ubs, Hsbc, Barclays, Societe Generale, Rbs e Credit Agricole, le americane Goldman Sachs, JP Morgan, Morgan Stanley, Bank of America e Citigroup e la canadese Royal Bank of Canada.

FMI

Ad amplificare l’importanza e la portata di questo incontro si è unita la voce del Fondo Monetario Internazionale che nella missione Article IV sull’Eurozona scrive: “La crisi nella zona euro ha raggiunto uno stadio critico”.

Simone De Rosas

Leave a Reply

Your email address will not be published.