Ravenna, stuprata su una tovaglia stesa a terra. Ristoratore nuovamente in carcere per abuso sessuale

Ravenna, stuprata su una tovaglia stesa a terra. Ristoratore nuovamente in carcere per abuso sessuale

Stupro cameriera RavennaRAVENNA, 19 MARZO – “Ha abusato di me su una tovaglia stesa a terra” Queste sono le agghiaccianti parole che una giovane cameriera apprendista ha riferito al personale della Polizia di Stato di Ravenna.

Gli episodi denunciati sono almeno due, a iniziare dal primo giorno di lavoro della giovane. Secondo quanto riferito, tutto sarebbe accaduto sul pavimento del locale, su una tovaglia del ristorante. Grazie al sostegno della madre, la ragazza ha avuto il coraggio di denunciare il ristoratore.

Il 59enne era stato già arrestato il 21 dicembre scorso su ordinanza di custodia cautelare in carcere con l’accusa di avere violentato un’apprendista cameriera, poco più che maggiorenne. Tuttavia, dopo qualche settimana, il Tribunale del Riesame di Bologna aveva annullato l’ordinanza del Gip di Ravenna per carenza di indizi.

L’accusato si è sempre detto estraneo alle contestazioni mosse e ha sottolineato il fatto di avere da subito collaborato con gli inquirenti fornendo loro tutti gli elementi richiesti a partire dai campioni per l’estrazione del Dna.

Si trova ora agli arresti domiciliari in attesa dell’interrogatorio di garanzia. Il suo legale, l’avvocato Pierluigi Barone, si è riservato un ulteriore ricorso al Tribunale del Riesame non appena verranno definiti i contorni del nuovo elemento.

Samantha Pontieri

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.