Forlimpopoli: Sorpresi a letto, azzanna l’amante del marito e le strappa il pollice a morsi

Forlimpopoli: Sorpresi a letto, azzanna l’amante del marito e le strappa il pollice a morsi

Forlimpopoli, 27 febbraio – Si dice molto spesso che la realtà supera la finzione e questo caso credo proprio che rientri in questa casistica. Una simile situazione farebbe invidia al grande maestro dell’horror, Stephen King.

Scena dell’agguato: Forlimpopoli, vicino Cesena. Protagonisti: lui e lei 52enni, amanti, si incontrano a casa dell’uomo perché – così crede lui – la moglie, 46 anni, e i tre figli si sono assentati per un pò. Ma niente va come previsto dal sicuro capo famiglia. La moglie rientra a casa inaspettatamente – non si sa, in realtà, più inaspettatamente per chi – e l’ira diviene la vera protagonista di uno dei più classici triangoli amorosi.

Le due donne che si contendono l’uomo dalle parole passano alle mani e come, due pitbull in combattimento, sono assolutamente inseparabili. La moglie tradita, in preda alla furia, trova una soluzione per porre fine a quella lotta e uscire vincitrice: afferra la mano dell’altra, digrigna i denti e in un colpo solo trancia il pollice della sua rivale in amore.

Arrivano immediatamente i soccorsi e la polizia che scoprono un particolare ancora più inquietante: il pollice tranciato è sparito, non si trova da nessuna parte. Inutili le ricerche in tutta la casa, il dito della donna non si trova e, qui, parte l’ipotesi, inizialmente assurda, ma molto probabilmente veritiera, che la moglie tradita abbia ingerito il dito dell’amante del marito.

La donna è stata denunciata per lesioni gravissime e l’indebolimento permanente di un organo, e dovrà presentarsi il 25 maggio davanti al gip Rita Chierici per l’udienza preliminare.

La vittima è stata sottoposta ad amputazione del dito e, difesa dall’avvocato Giovanni Principato, si è costituita parte civile nel processo e ha chiesto un risarcimento di 250mila euro.

La domanda sorge spontanea: e il marito in tutto questo? Forse avrà capito che è meglio non giocare troppo con il fuoco…se non ti bruci, rischi sicuramente di perdere qualche dito.

Federica Palmisano

Leave a Reply

Your email address will not be published.