Marò arrestati a Kerala: De Mistura vola in India, chiesto mandato di perquisizione dell’Enrica Lexie

Marò arrestati a Kerala: De Mistura vola in India, chiesto mandato di perquisizione dell’Enrica Lexie

NEW DELHI, 21 FEBBRAIO – I due marò della petroliera Enrica Lexie sono stati trasferiti ieri pomeriggio dalla polizia indiana nella abitazione privata del magistrato per l’interrogatorio, in quanto in India era una giornata di festa. L’udienza preliminare è durata quasi due ore, al termine della quale il magistrato ha deciso di estendere per altri tre giorni il fermo di polizia dei due fucilieri e prolungare a 15 giorni il fermo giudiziario. Indfine la polizia indiana ha chiesto un mandato di perquisizione della nave per cercare l’arma che avrebbe sparato.

I due marò pugliesi, Massimiliano Latorre di Taranto di 45 anni, e Salvatore Girone di Bari di 34 anni, hanno fatto ritorno a Kochi, dove si trovano ancora in custodia vigilata. Tra tre giorni dovranno di nuovo presentarsi davanti al magistrato, il quale deciderà se i due militari italiani verranno reclusi all’interno di una prigione nello stato di Kerala.

La spaccatura tra India e Italia appare al momento insanabile. Le divergenze sono di carattere giuridico e si basano essenzialmente sull’immunità dei marò in acque internazionali. Il sottosegretario agli Esteri, De Mistura, è partito oggi per l’India, per seguire da vicino il caso della petroliera italiana Enrica Lexie. La Farnesina continua a ribadire che, a suo giudizio, la polizia ha agito unilateralmente.

La tensione e la rabbia popolare è aumentata esponenzialmente nelle ultime ore. La gente è scesa in strada per manifestare tutto il suo rancore nei riguardi dell’Italia e delle autorità indiane accusate di non aver subito condotto in prigione i due marò. L’associazione dei pescatori del Kerala ha indetto per oggi altre manifestazioni di protesta.

Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published.