Ici, il governo scioglie ogni dubbio: la deve pagare anche la Chiesa

Ici, il governo scioglie ogni dubbio: la deve pagare anche la Chiesa

ROMA, 16 FEBBRAIO – La Comunità Europea attraverso il vicepresidente della Commissione, Joaquin Almunia, aveva già richiamato l’Italia due volte nel corso dell’ultimo anno: per un criterio di uguaglianza anche gli immobili della Chiesa devono pagare l’ICI.

Ora il nuovo governo Monti ha provveduto comunicandolo ufficialmente a Joaquin Almunia ed inserendo il provvedimento come emendamento nel decreto per lo sviluppo in discussione al Parlamento.

Ieri come domani, gli immobili adibiti al culto non pagheranno l’ICI (ora chiamata IMU), mentre quelli adibiti ad altre mansioni la pagheranno.

Ma anche se qualcuno obietterà che nulla è cambiati, in realtà questo provvedimento segna una novità sostanziale: prima infatti un albergo di 100 stanze di proprietà della Chiesa bastava che dichiarasse di avere una stanzetta con la statua della Madonna ed alcune panche per pregare per venire considerato totalmente luogo di culto quindi esente ICI, ora invece solo quella stanzetta è esente dall’ICI, tutto il resto no.

La stessa cosa dicasi per gli ospedali, le scuole ed i convitti. In termini economici, secondo alcune stime, l’introito per lo Stato potrebbe essere di 2 miliardi di euro all’anno. Ovviamente la nuova legge non vale solo per la Chiesa ma per tutte le istituzioni prima esenti: partiti ed associazioni.

Francesca Barzanti

Leave a Reply

Your email address will not be published.