Sanremo, l’impero economico di Celentano e Claudia Mori: il Paradiso in terra

Sanremo, l’impero economico di Celentano e Claudia Mori: il Paradiso in terra

ROMA, 16 FEBBRAIO – Ormai sapete tutto su Sanremo, Celentano, la Rai, le polemiche ed il compenso del Molleggiato da devolvere in beneficenza.
Ma nessuno scommetto sa qualcosa in più sulla vita di Celentano e della moglie Claudia Mori come ad esempio il Paradiso in terra che si sono costruiti.

Sì perché l’impero immobiliare gestito dalle società che fanno capo ad Adriano e signora è costituito da 31 fabbricati e ben 83 terreni sparsi nel centro nord Italia, tanto che di volta in volta il cantante può scegliere di abitare in una delle sue favolose ville fra la Brianza di Galbiate, gli altopiani di Asiago e le colline di Radda in Chianti.

L’impero societario della coppia Celentano-Mori poi ha due srl discografiche, una, la Ciao Ragazzi che produce le fiction per la Rai, segue soprattutto gli affari di Adriano, e l’altra si occupa invece di prodotti biologici. Complessivamente nel 2010 i Celentano potevano contare su un fatturato da 10,8 milioni di euro, metà del quale realizzato con la Rai dalla Ciao Ragazzi.

Avete capito bene? La Rai è il miglior cliente del Molleggiato a prescindere dal Festival di Sanremo. Viste sotto questa luce, alcune decisioni come devolvere l’intero compenso a famiglie disagiate, assumono un significato diverso. Infatti i benefici in termini economici che deriveranno a Celentano dalle sue prediche viste da 17 milioni di persone e dal lancio del suo nuovo disco, vengono stimati in 2 milioni di euro che ovviamente non saranno dati in beneficienza.

E mentre dopo il monologo del cantante a Sanremo continua ad infuriare la polemica della nave Rai, scuse ai vescovi, richiesta di dimissioni al direttore di Rai1 Mazza responsabile del Festival, e commissariamento del Festival con l’invio a Sanremo del vicedirettore Marano, a marzo il governo dovrà riformare la tv di stato e molti prevedono l’arrivo di un amministratore delegato unico, forse Franco Bernabè?, e la messa in libertà della squadra attuale, naturalmente con indennità di uscita milionarie.

Francesca Barzanti

Leave a Reply

Your email address will not be published.