La più grande nevicata degli ultimi 30 anni: storie di salvataggi nelle neve in Romagna e Marche

La più grande nevicata degli ultimi 30 anni: storie di salvataggi nelle neve in Romagna e Marche

CESENA, 13 FEBBRAIO – Nell’ondata di neve e gelo che ha investito l’Italia per dieci giorni le regioni più colpite sono state la Romagna e le Marche, ed in particolare le città di Cesena ed Urbino.

Niente a che vedere con i pochi centimetri di neve, che hanno comunque suscitato tante polemiche, caduti su Roma.

Basti pensare che in alcune località delle colline cesenati, come Bagno di Romagna ed Alfero, sono caduti ben tre metri di neve ed oltre all’intervento dell’esercito, in aiuto ai comuni ed alla protezione civile, è stato necessario anche l’intervento di squadre di soccorso con mezzi speciali antineve provenienti dal Trentino Alto Adige.

E così si sono moltiplicate le vicende di persone e famiglie rimaste isolate e dei prodi che sono riusciti o meno a salvarle.

A Cà Rigo, un piccolo paese di San Marino, per raggiungere la casa di un’anziana che si era sentita male circa venti soccorritori hanno dovuto spalare a mano per aprirsi un varco nella neve alta tre metri. Alla fine la donna è stata soccorsa e ricoverata in ospedale.

Diverso è stato il caso di un anziano che viveva invece con la badante rumena nelle colline di Cesena. I soccorritori dopo otto ore di fatica non hanno potuto che constatare il decesso del poveretto per cause naturali.

A Montegridolfo, un suggestivo pesino delle colline riminesi, invece una coppia di anziani è stata salvata dai vigili del fuoco che sono dovuti passare dal tetto, mentre a Montefiore, dopo avere raggiunto una casa isolata, i pompieri non hanno trovato nessuno. Il povero vecchietto di 80 anni che ci abitava infatti era fuori in mezzo alla neve in stato confusionale.

Non meno difficile la sorte di molti allevamenti di animali rimasti giorni senza cibo ed acqua e con le tettoie pericolanti.

Francesca Barzanti

Leave a Reply

Your email address will not be published.