Emilia Romagna, allerta neve durerà fino a San Valentino. Tre morti a Modena e Parma

Emilia Romagna, allerta neve durerà fino a San Valentino. Tre morti a Modena e Parma

RIMINI, 13 FEBBRAIO – Dopo una breve tregua la neve ha ripreso a cadere copiosamente sull’Appennino Romagnolo. Da registrare ieri anche una leggera scossa di terremoto di magnitudo 3.3 della scala Richter con epicentro Borghi, cittadina in provincia di Forlì-Cesena. Nessuna segnalazione di danni a persone o cose.

In Valmarecchia e in Valconca numerose frazioni e abitazioni sono ancora isolate. Sono quasi 400 le persone costrette ad abbandonare le loro case, momentaneamente ospitate da familiari, amici e dai centri di accoglienza allestiti nel Cesenate. Seicentrotrenta famiglie, invece, sono rimaste senza luce.

Impossibile raggiungere alcuni centri con i mezzi meccanici e gli spazzaneve, l’unico modo sono lunghe passeggiate su cumuli di neve compiute da temerari volontari per portare medicinali e viveri. Da venerdì scorso medici e paramedici dell’Ospedale Sacra Famiglia di Novafeltria non vanno a casa, dormono direttamente in ospedale.

EMILIA ROMAGNA: TRE VITTIME DEL GELO

A Modena Ferdinando Biasini, pensionato di 78 anni, è stato investito mortalmente da un trattore spazzaneve mentre passeggiava lunga la strada.

A Fiorano Modenese un anziano di 88 anni è morto in un incendio provocato dal malfunzionamento di una stufa a legna. A Parma un’altra vittima del blizzard. Una donna di 61 anni, Graziella Boschesi, nota bidella di un liceo parmigiano, è stata trovata senza vita nella sua abitazione. Per scaldarsi aveva solo una piccola stufetta elettrica ma non è bastata in questi giorni di gelo e neve.

Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published.