Decreto semplificazioni: certificati on line dalla nascita alla morte, rivoluzione dei titoli di studio

Decreto semplificazioni: certificati on line dalla nascita alla morte, rivoluzione dei titoli di studio

ROMA, 27 GENNAIO – In attesa del varo che avverrà domani al Consiglio dei Ministri, ecco le novità sostanziali e significative che introducono i nove articoli del decreto del governo Monti sulla ‘’semplificazione’’.

Nei concorsi pubblici perderanno di valore i titoli di studio se si esclude medicina, non ci saranno punti in più a seconda del tipo di laurea e neanche in base al voto, e nelle graduatorie quindi peseranno di più le prove del concorso rispetto ai titoli di studio. Tempi duri invece per le università telematiche, quelle cioè che rilasciano laure e dottorati a distanza, il decreto stabilisce infatti che siano escluse dalla ripartizione dei contributi pubblici.

Novità invece per i box auto: il proprietario potrà venderlo indipendentemente dalla casa o dall’appartamento, movimentando così molto il mercato.

Miglioreranno i rapporti tra i cittadini, imprese e burocrazia: dai certificati immediati per nascite e matrimoni, alla maggiore facilità per le imprese di assumere lavoratori stranieri extra Ue.

Vi sarà poi un aumento della soglia di franchigia fiscale, in sostanza lo Stato abbuonerà tutti gli importi di tasse evase dovuti fino a 30 euro. Questo significa che il personale sarà sgravato di compiti burocratici e con diminuzione di costo ben superiore ai mancati ricavi. Si tratta di quello che fanno da tempo le aziende private, periodicamente azzerano i crediti dei clienti che devono pagare importi minimi.

E’ prevista comunque per questa sera comunque la comunicazione del testo ufficiale del decreto semplificazione.

Francesca Barzanti

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.