Bimbo Down discriminato dal proprio parroco: non può fare la comuione

Bimbo Down discriminato dal proprio parroco: non può fare la comuione

BATLEY, 19 GENNAIO – Un bimbo affetto dalla Sindrome di Down non può fare la Comunione assieme ai suoi coetanei. Questa è stata la violenta ingiustizia che si è veirificata nei confronti di Denum Ellarby, un bimbo di 7 anni affetto dalla Sindrome di Down.

Questa assurda situazione è stata denunciata dai genitori del piccolo che sono rimasto sconvolti quando si sono rivolti al parroco della loro chiesa, Padre Patrick Mungovin, per chiedere se Denum poteva fare la comuione con i suoi compagni, il piccolo infatti frequenta una scuola elementare cattolica, e si sono sentiti rispondere con un netto rifuto da parte del religioso che ha sottolineato la mancanza di classi di catechismo adatte alla preparazione religiosa di un Down.

Una vera e propria discriminazione quindi che ha portato Clare, la madre di Denum, a rivolgersi direttamente al capo della diocei che però ha confermato il brusco no del parroco ribadendo che il piccolo, a causa della Sindrome di Down, non potrebbe “capire la preparazione” ed “apprezzare la Messa”.

Intanto, mentre la Chiesa oggi nega di avere mai rifiutato la comunione a Denum e promette di farlo partecipare più avanti alla cerimonia, la madre Clare ed il padre Darren, entrambi ancora senza parole, ammettono che per un bimbo con la Sindrome di Down un’ora di funzione forse sarebbe stata difficile da reggere ma si aspettavano sicuramente più apertura mentale e flessibilità.

Francesca Barzanti

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.