Tassisti contro Governo Monti: scontri, proteste e possibili trattative

Tassisti contro Governo Monti: scontri, proteste e possibili trattative

ROMA, 18 GENNAIO – E’ in corso oggi un nuovo tavolo d’incontro fra il Governo Monti ed i rappresentanti dei tassisti in vista del decreto sulle liberalizzazioni che dovrebbe vedere la luce venerdì prossimo. Vi era in realtà già stato un incontro ieri sera, conclusosi però con un nulla di fatto.

Le due posizioni sono ormai note. Da una parte il governo vuole aumentare il numero delle licenze nelle grandi città per venire incontro alle lunghe attese dei cittadini, soprattutto nelle ore di punta, e liberalizzare le tariffe. Per tenere conto però dell’investimento che ogni tassista ha fatto per acquistare la licenza, il governo propone di aggiudicarne una ulteriore gratuitamente ad ognuno.

Dall’altra invece i tassisti sostengono che già con la situazione attuale il loro reddito è da fame, e che aumentare il numero delle licenze significa distruggere migliaia di famiglie.

In attesa di un accordo intanto da giorni è cominciata la protesta ed a Milano, Roma, e Roma-Fiumicino è quasi praticamente impossibile prendere un taxi.

E’ difficile sapere come andrà a finire anche perché il PdL, il partito di maggioranza che sostiene il governo, si è espresso attraverso suoi importanti rappresentanti a favore dei tassisti, e perché sicuramente esistono alcune categorie in Italia, come i tassisti, i farmacisti e i medici, che sono realmente in grado di esercitare fortissime pressioni e disagi con l’interruzione del proprio servizio.

Francesca Barzanti

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.