Trenitalia, soppressione treni notturni una piaga per l’Emilia Romagna. Intervista a Monica Donini

Trenitalia, soppressione treni notturni una piaga per l’Emilia Romagna. Intervista a Monica Donini

BOLOGNA, 17 GENNAIO – A margine dei lavori d’aula, abbiamo rivolto alcune domande a Monica Donini sui problemi innescati dalle scelte di Trenitalia.

Consigliera Donini, quella trattata nella sua interrogazione è una vertenza nazionale, cosa può fare la Regione?

La soppressione dei treni notturni a lunga percorrenza con servizio di wagon lits determina seri problemi per l’utenza anche in Emilia-Romagna per il taglio di un servizio utile. Ancora di più sta provocando gravi ricadute sui lavoratori considerati in esubero, oltre 800, molti dei quali emiliano-romagnoli. La vicenda riguarda quindi anche il mondo del lavoro regionale: questi lavoratori, infatti, si trovano in una situazione, dopo la decisione di Trenitalia, che li lascia senza prospettive.

Lei ritiene che l’intervento della Giunta emiliano-romagnola concorrerà a trovare una soluzione condivisa?

Nelle settimane scorse Moretti, l’AD di Trenitalia, in un’intervista televisiva si è impegnato verbalmente a trovare una soluzione per i lavoratori. Purtroppo non ha ancora dato seguito agli impegni verbali, non esistono, a quanto è dato di sapere, un piano, né una trattativa aperta con i sindacati, né proposte concrete. I lavoratori hanno deciso di continuare la mobilitazione fino all’apertura di un tavolo di trattativa. Molte personalità del mondo politico, culturale e sindacale, trasversalmente, stanno sostenendo questa battaglia e anche diversi sindaci hanno espresso la loro solidarietà, in Emilia-Romagna, per esempio, quelli di Imola, Modena e Piacenza. Credo quindi che sia importante che si aggiunga la voce di Vasco Errani, nel suo duplice ruolo, per sollecitare i vertici di Trenitalia e il Governo ad aprire, nelle sedi competenti, tavoli di trattativa per trovare soluzioni rapide.

Redazione

APPRFONDIMENTI  Caso sacchetti biodegradabili: italiani, 10 euro in meno all'anno

Leave a Reply

Your email address will not be published.