Al CES 2012 Visa certifica i nuovi smartphone per l’mPayment

Al CES 2012 Visa certifica i nuovi smartphone per l’mPayment

BOLOGNA, 16 GENNAIO – Gli smartphone di Samsung Electronics, LG Electronics e Research In Motion (RIM) equipaggiati con tecnologia NFC hanno ottenuto la certificazione per l’abilitazione ai pagamenti elettronici in mobilità con il sistema Visa payWave già riconosciuta delle istituzioni finanziarie. Lo ha annunciato Visa Inc. e Visa Europe al CES 2012.

Saranno gli smartphone Samsung Galaxy SII, LG Optimus NET NFC, oltre alla serie BlackBerry Bold 9900, BlackBerry Bold 9790, BlackBerry Curve 9360 e BlackBerry Curve 9380 ad essere ad accogliere il sistema di pagamento Visa sui quali è già installata la tecnologia NFC (Near Field Communication) abilitati per l’mPayment ovvero il pagamento mobile.

La tecnologia NFC è lo standard di comunicazione a corto raggio che consente a questi dispositivi di trasmettere in modo sicuro le informazioni sul pagamento effettuato a un terminale contactless presente sulle catene di vendita di tutto il mondo, rendendo possibile a chi ha un account Visa di avvicinare il proprio telefono verso il terminale ed eseguire la transazione per l’acquisto di un bene o servizio.

Il processo di certificazione Visa annunciato al CES, include numerosi test a livello tecnico, di sicurezza e di usabilità che rispettano il modo di funzionare dei pagamenti attraverso dispositivo mobile: questo aiuta ad assicurare transazioni Visa sicure e affidabili, compatibili con gli standard globali dei pagamenti tramite chip equipaggiati con la tecnologia NFC.

Secondo Bill Gajda della Global Head of Product Mobile di Visa Inc. gli istituti finanziari oltre ad emettere le classiche carte di credito con banda magnetica o con chip, possono offrire ai loro correntisti anche l’opportunità di trasformare i loro smartphone in dispositivi di pagamento mobili, intuitivi e sicuri come sono ora basate le carta di credito ed è convito che tale applicazione diffonderà sempre più i sistemi di mPayment a livello mondiale.

Sergio Giuseppe Amato


APPRFONDIMENTI  Droni e privacy: un rapporto difficile da portare avanti

Leave a Reply

Your email address will not be published.