Costa Crociere scarica il comandante Schettino. Il racconto inquietante del maitre Tievoli

Costa Crociere scarica il comandante Schettino. Il racconto inquietante del maitre Tievoli

PORTO SANTO STEFANO, 16 GENNAIO – Sale il numero delle vittime e il rischio ambientale, così salgono anche le responsabilità del comandante della Costa Concordia affondata tre giorni fa a circa 150 metri dalla costa dell’Isola del Giglio.

Una persona dell’equipaggio avrebbe dichiarato che il capitano riferendosi a un maitre proveniente proprio dall’isola avrebbe detto: “guarda la tua isola”. Un saluto che è costato una tragedia, perché Schettino troppo sicuro di ciò che stava facendo, si sarebbe avvicinato troppo, più del dovuto alla Costa, provocando l’impatto dunque il disastro.

“Mio marito è sconvolto e non vuole parlare. Spero che lo comprendiate”. Lo ha detto all’Ansa la moglie di Antonello Tievoli, il maitre gigliese al quale il comandante Francesco Schettino, avrebbe dedicato l'”inchino”, passando sottocosta all’isola del Giglio.

“Impossibile negare l’errore umano”, così Pier Luigi Foschi, Ad della Costa Crociere. “L’azienda fornirà assistenza legale al comandante, ma abbiamo il dovere di riconoscere i fatti e tutelare tutti i dipendenti dell’azienda. Non possiamo negare un errore umano in questo tragico incidente. Anche le procedure non hanno rispettato totalmente le rigide disposizioni e l’addestramento che abbiamo dato”.

Intanto sono stati sentiti numerosi testimoni, tra passeggeri, equipaggio e soccorritori, sia per valutare le condizioni e soprattutto per comprendere realmente le responsabilità dell’uomo, attualmente accusato di omicidio colposo plurimo, disastro e abbandono della nave.

+ Speciale Costa Concordia: Tutte le notizie sul Titanic italiano

Alessandra Scarciglia

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.