Macerata, Maurizio Foresi impugna la pistola ed uccide la moglie davanti alla figlia diciannovenne

Macerata, Maurizio Foresi impugna la pistola ed uccide la moglie davanti alla figlia diciannovenne

MACERATA, 15 GENNAIO – Grezyna Tarkowska, 46 anni, è stata uccisa dal marito Maurizio Foresi, autotrasportatore di 55 anni, con otto colpi di pistola esplosi da una Smith e Wesson calibro 357.

L’uxoricidio si è consumato davanti agli occhi increduli della figlia Milena Foresi 19 anni studentessa all’istituto Bonifazi di Recanati.

Non è ancora chiaro il movente; probabilmente a conclusione di un’accesa discussione  l’uomo, furibondo, ha freddato la moglie con la sua Smith e Wesson regolarmente detenuta.

Maurizio Foresi, appassionato di tiro al poligono, deteneva regolarmente varie armi in casa. Tale detenzione regolare non gli era stata revocata nemmeno quando, la settimana prima di Natale, aveva colpito più volte sua moglie con un bastone  costringendola a recarsi in ospedale per medicare le ferite con punti di sutura.

Di fronte all’accaduto la figlia Milena non ha potuto far altro che  chiamare i soccorsi per aiutare la sua mamma. Tuttavia, i medici, giunti nella palazzina di via Repubblica 79, hanno potuto solo costatare il decesso della donna uccisa nella sua camera da letto da un marito spietato. I medici hanno poi soccorso la diciannovenne portandola in ospedale in stato di choc.

Le forze dell’ordine sono state allertate dai vicini di casa che, allarmati per l’intensità delle urla provenienti dall’abitazione, hanno ritenuto indispensabile ricorrere all’intervento dei carabinieri. L’uxoricida, barricatosi in casa, ha consentito agli inquirenti di entrare solo dopo aver parlato a lungo al citofono con il maresciallo Roberto Frittelli.

L’uomo ora è in carcere. Le indagini sull’accaduto sono condotte dal magistrato Claudio Rastelli.

Anna Filannino

Leave a Reply

Your email address will not be published.