Sarah Scazzi: la foto e gli sms che incastrano Sabrina

Sarah Scazzi: la foto e gli sms che incastrano Sabrina

TARANTO, 12 GENNAIO – Che ci faceva la quindicenne Sarah Scazzi in pigiama, alle dieci di sera del 7 maggio 2010, in compagnia del ventiseienne Ivano Russo che la fotografava con il suo telefonino? Che ci faceva quella imbarazzante immagine dalla galleria del Nokia del giovane?

A ripescarla integralmente è stato il perito leccese che è stato incaricato dalla procura di Taranto di recuperare tutte le foto e gli sms contenuti nella memoria del cellulare del bell’Ivano il cui rapporto con la minore uccisa e Sabrina Misseri, sua cugina, non ha mai convinto l’opinione pubblica e gli inquirenti che, però, non lo hanno mai indagato.

Una foto dunque che aggraverebbe la già pesante posizione di Sabrina Misseri, che accecata dalla gelosia e spinta dalle incomprensioni familiari già esistenti tra le sorelle Serrano, avrebbe ucciso, aiutato dalla mamma appunto, la cugina, per disfarsi della sua antagonista.

La foto «resuscitata», finita sul tavolo del pubblico ministero Mariano Buccoliero ma non ancora allegata agli atti del processo, ritrae la ragazza che indossa un pigiamone di pile chiaro con ricami raffiguranti pupazzi e animaletti colorati. Nelle mani Sarah impugna un altro telefonino puntato contro chi a sua volta la sta fotografando. Due scatti in simultanea. L’ingegnere informatico che sta ridando vita al contenuto cancellato del telefono di Ivano non ha dubbi circa il fatto che «la foto sia stata scattata proprio dalla fotocamera in dotazione al telefono esaminato e già citato».

Un abbigliamento inusuale per un appuntamento tra amici (a meno di un pigiama party che non risulta esserci stato) avvenuto, tra l’altro, in un orario abbastanza inoltrato (alle 22.04) per il periodo in cui è avvenuto l’incontro (7 maggio).

Le risposte potrebbero arrivare dallo stesso Ivano, che martedì prossimo, 17 gennaio, comparirà in veste di testimone al processo, davanti alla Corte d’Assise di Taranto, per essere interrogato dai pm Mario Buccolieri e Pietro Argentino, i quali hanno dalla loro parte anche una serie di sms scambiati fra lo stesso Ivano, la vittima, Sabrina, ed anche fra Cosima Serrano e Michele Misseri.

Gli sms tra i due giovano sarebbero circa 4500, tutti scambiati nei primi mesi del 2010, dove la gelosia della giovane sarebbe esplicitata notevolmente. Dubbioso anche un messaggio ricevuto da Ivano tre giorni prima dell’arresto di Sabrina dalla stessa. Il testo mostrerebbe che Ivano potrebbe sapere qualcosa.

Ma queste sono tutte ipotesi, molte ce ne sono state e molte sicuramente ce ne saranno, nel processo lungo e intricato che spetta per risolvere questo caso, definito ormai da tutti il processo dell’anno.

+ APPROFONDIMENTO Tutte le notizie sul caso Sarah Scazzi

+ VIDEO Processo Scazzi tra lacrime e circo mediatico

Alessandra Scarciglia

One Response to "Sarah Scazzi: la foto e gli sms che incastrano Sabrina"

  1. Roberta  2012/01/13 at 11:03

    Si vede chiaramente che Sarah è di fronte ad uno specchio e che il cellulare che ha in mano potrebbe essere di Ivano magari carpito di nascosoto essendo lì in visita. Il fatto che sia in pigiama non significa che fosse un’ora proibita. Tante volte si rimane in pigiama in casa per stare più comode. E’ una foto talmente innocente che trovarci qualcosa di morboso mi sembra eccessivo. Il fatto che poi sia stata cancellata non significa nulla, potrebbe essere stata appunto Sarah stessa a farlo pentita e magari imbarazzata dell’azione fatta di nascosto. Nell’età adolescenziale si fanno talmente tante cose istintive di cui magari ci si pente subito e magari ci si vergogna. Sarah aveva sicuramente un amore innocente verso Ivano e la immagino che gira intorno a questo ragazzo che probabilmente per lei provava un affetto particolare. Da qui a trovarci malizia in questa foto ce ne vuole proprio..dai…

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.