Manovra Monti, i ministri Passera e Fornero salvano Banca Intesa

BOLOGNA, 20 DICEMBRE – “Monti, nel suo discorso di insediamento, aveva garantito equità e misure contro l’evasione e l’elusione fiscale, ma le sue promesse stanno rivelandosi soltanto uno slogan rassicurante. Questo il commento sulla manovra economica di Monti del responsabile del dipartimento economia e finanza dell’IDV Francesco Fantuzzi.

[ad#HTML][ad#Google Adsense]

“Il governo degli pseudo-tecnici infatti” – prosegue Fantuzzi – “ con questa manovra ha indossato i guanti bianchi per trattare gli evasori, a cominciare dalle banche. Il gruppo Intesa San Paolo, cui il fisco ha contestato l’illegittimità di diverse operazioni finanziarie, finalizzate solo a ridurre le imposte da pagare (circa 1 miliardo di euro), se l’è cavata con un pagamento di circa 270 milioni. Guarda caso, la manovra in corso di approvazione non ha tenuto conto di quei soggetti, come Intesa S.Paolo, che hanno contenziosi rilevanti con il fisco. Guarda caso, dal gruppo Intesa S.Paolo proviene il Ministro Passera, ex AD, il Ministro Fornero, ex vicepresidente del Consiglio di sorveglianza, e il Viceministro Ciaccia, ex AD e Dg della Biis (gruppo Intesa). In Emilia- Romagna l’Italia dei Valori a livello regionale sta combattendo con forza le infiltrazioni mafiose che speculano sulle necessità dei più deboli (vedi i compro oro) e sostiene fortemente la lotta all’evasione fiscale.

”Noi –ha detto in conclusione Fantuzzi –“ faremo il possibile per la nostra regione nella quale, per fortuna e grazie all’ottimo lavoro della Guardia di Finanza il problema dell’evasione fiscale è meno grave che altrove. Ma adesso è necessario che l’attuale governo si assuma le proprie responsabilità e tenga conto dei pensionati delle fasce deboli, altrimenti difficilmente le istituzioni riconquisteranno la fiducia, oltre che dei mercati, dei cittadini italiani”.

APPRFONDIMENTI  Droni e privacy: un rapporto difficile da portare avanti

Redazione

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.