Il maltempo non si dà tregua: esonda il torrente Castace, un morto a Catanzaro

CATANZARO, 22 NOVEMBRE – Il maltempo quest’anno non si da tregua, si mostra spietato e di settimana in settimana non sta facendo altro che seminare vittime dietro di se. Al suo passaggio, qualsiasi sia la città  che sta toccando, in maniera più o meno grave, qualcuno ci rimette la vita. Roma, La Spezia, Genova, ora tocca al sud: Catanzaro. La città  calabrese infatti è stata colpita da una tremenda pioggia battente, una pioggia intermittente che si è trasformata in un vero e proprio nubifragio, che in una sola ora, ha creato innumerevoli disagi. E un morto.

Lo scrosciare dell’acqua e l’esondazione del torrente Costace hanno fatto crollare un muro di sostegno, sotto sequestro da anni, che è finito su un’officina di carrozziere, in zona Campagnella, quartiere Sala, sfondando il tetto e travolgendo e uccidendo il titolare, Natalino Zicchinella, di 56 anni, spostato e padre di due figli. Altre due persone che erano con lui sono state più fortunate. Una è uscita illesa e l’altra ha riportato solo lievi ferite. Il sindaco Michele Traversa, appresa la notizia dell’uomo morto a causa del crollo di un muro di contenimento nella sua officina, ha chiuso la riunione di giunta e si e’ recato subito nel quartiere Campanella dove si e’ verificata la tragedia.

E’ stata sgomberata per precauzione anche una casa adiacente al capannone travolto dal muro crollato: non è chiaro se lo stabile ha riportato danni, ma le autorità  hanno preferito allontanare la famiglia che vi abita. “Mia moglie e i miei figli sono riusciti per fortuna ad allontanarsi per tempo dopo il crollo. E’ stato un miracolo“, ha detto il capofamiglia, in evidente stato di agitazione.

Ma i disagi si sono estesi proprio nello stesso tempo in cui l’acqua riusciva a prendere il sopravvento: movimenti franosi sono stati registrati su viale dei Bizantini e in via Corrado Alvaro. Nella frazione Santo Janni, i vigili del fuoco hanno dovuto soccorrere un’anziana la cui abitazione si stava allagando e allontanare gli abitanti di una ventina di villette, poi tornati regolarmente nelle loro case. Sempre a Santo Janni domani la scuola elementare resterà chiusa in via precauzionale perchè l’edificio è ubicato nei pressi di un torrente ingrossatosi con le piogge di oggi pomeriggio.

E non pochi disagi soprattutto alla circolazione stradale. In particolare, allagamenti e rallentamenti sono stati segnalati sulla strada statale 106. A Catanzaro, invece, la pioggia potrebbe essere tra le cause di due incidenti stradali che si sono registrati nella tarda mattinata.

Paura, timore per l’acqua che viaggia senza una meta precisa e “che non si fa alcuno scrupolo”, colpisce e distrugge, a volte uccide. Proprio per questo il Comune ha consigliato ai cittadini “di non mettersi in viaggio e di restare in luoghi sicuri”. Ciò dopo che la Protezione civile ha comunicato un’allerta meteo di livello 3 che si protrarrà fino alle 5 di domani mattina.

Alessandra Scarciglia

Leave a Reply

Your email address will not be published.