BOLOGNA | Rivolta commercianti via Petroni: Possibilità di sciopero

BOLOGNA, 15 NOVEMBRE – Il braccio di ferro tra i commercianti di via Petroni e l’amministrazione comunale di Bologna in merito alle varie normative anti-degrado del centro storico, diventa, ogni giorno che passa, più duro e  di difficile resa.

[ad#Google Adsense][ad#HTML-2]

Tra tutte le proposte della giunta comunale Merola, ciò che ai commercianti non va proprio a genio è la normativa ribattezzata “coprifuoco” che prevedrebbe un orario anticipato della chiusa delle attività commerciali di una delle vie più “notturne” della città universitaria. Se oggi tale ordinanza verrà firmata, i commercianti di via Petroni, dietro la sigla DAP – Difesa attività produttiva – hanno minacciato di scioperare bloccando il traffico cittadino. Iniziativa che anche Ascom e Confersercenti vorrebbero evitare.

E a tal proposito, ieri, hanno presentato in Comune le loro iniziative e possibili modifiche alla contrasta ordinanza.

Confersercenti è intervenuta con parere negativa su tutta l’ordinanza perché “interviene in maniera indistinta su tutte le attività” e a proposto queste modifiche:

  • Per gli esercizi di vicinato alimentari e misti chiusura non oltre le 20 (invece che le 18 come previsto dall’ordinanza comunale;
  • Per i laboratori artigianali alimentari, la vendita di bevande alcoliche al pubblico fino alle 20, in caso contrario, fino all’una, con proroga nel weekend di stare aperti fino alle 2;
  • Per i locali pubblici la chiusura dalla domenica al giovedì all’una, con una variazione fino alle 3 per il venerdì e il sabato.

Anche Ascom ha inviato le sue proposte rimarcando sulla necessità di rivedere l’orario di chiusura per ogni tipologia di attività presente in via Petroni. Ma lo scontro sembra prendere la direzione del muro contro muro perché proprio di ieri è una dichiarazione del sindaco Merola che non prevede, oggi in giunta, nessun passo indietro nei confronti di via Petroni: “C’è una situazione fuori da ogni possibilità di concertazione e di condivisione”.

Federica Palmisano

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.