Delbono cattiva immagine per l’Alma Mater: sospeso per un giorno

BOLOGNA, 11 NOVEMBRE – “Il danno all’immagine c’è stato: la sanzione ci voleva, ma minima. E comunque un giorno o sei mesi, le conseguenze rimangono: il docente sospeso viene “ibernato” rispetto alle cariche accademiche”. Sono queste le parole gelide di Enzo Siviero, vicepresidente del Cun  – Consiglio Universitario Nazionale – alla guida del Collegio di disciplina, in merito alla sospensione dell’ex sindaco di Bologna, Flavio Delbono, condannato per peculato e intralcio alla giustizia nella vicenda del Cinzia-gate.

[ad#Google Adsense][ad#HTML-1]

Flavio Delbono è stato, infatti, sospeso dall’Università per un solo giorno e nei prossimi cinque anni non potrà assumere incarichi istituzionali all’interno dell’Ateneo. E ci mancherebbe, verrebbe da commentare ai più. Questa è la sentenza emessa dal Collegio di disciplina di Roma. Sì, alla fine ha deciso Roma, visto che negli ultimi mesi la decisione era rimbalzata tra la capitale e Bologna, per via della Riforma Gelmini che ha, inizialmente, eliminato i Cun, per poi ripristinarli solo per il smaltire i casi accumulati precedentemente alla riforma. Ha deciso Roma, togliendo, molto probabilmente, dall’imbarazzo l’ateneo di Bologna e il suo rettore, Ivano Dionigi. La “sentenza” di Roma è stata immediatamente attivata dall’Università di Bologna che ha fatto ricadere la sospensione nel giorno del 2 novembre decurtando il professore di metà del suo compenso giornaliero: 65 euro. E anche qui, a qualcuno verrebbe da commentare in altro modo.

Federica Palmisano

Leave a Reply

Your email address will not be published.