Università: al via i test di ingresso. La carica degli oltre ottomila candidati

Università: al via i test di ingresso. La carica degli oltre ottomila candidati

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Juice PopUnder2]

ROMA, 1 SETTEMBRE – L’estate è ormai finita e per i futuri universitari italiani è iniziata la fase più intensa, quella dei test di ammissione ai corsi di laurea ad accesso programmato per numerosi atenei privati e pubblici italiani.

I primi che si sfidano a colpi di risposte multiple sono i futuri medici. Per la Cattolica record di candidati: 7.333 solo per Medicina convocati ieri mattina nella sede di Roma e per la prima volta anche in quelle di Milano (1.200) e Bari (800). Solo uno su 28 potrà entrare, i posti disponibili sono 282. Appena meglio per gli aspiranti dentisti: 567 iscritti alla prova per 22 posti messi a concorso. Il 60 per cento dei candidati è donna (4.744 ragazze contro 2.859 ragazzi). Arrivano da tutta Italia, in particolare dalla Campania, dalla Puglia, dalla Sicilia, dalla Calabria e dalla Lombardia.

Addirittura a Milano, sempre fuori dall’università Cattolica, mamme, papà e fidanzati  erano così numerosi che sono arrivati i vigili a controllare il traffico.

“Visto il numero degli iscritti i tempi per la registrazione si sono allungati – spiegano all’ateneo di largo Gemelli -. Il test è iniziato soltanto alle undici”. Gli studenti hanno affrontato la prova divisi in quattro aule. Tempo a disposizione novanta minuti, per 120 domande a risposta multipla, test psicoattitudinale e di preparazione scientifica, più inglese. Alla prova orale, il 7 settembre, saranno ammessi i primi 600 in graduatoria.

[ad#Aruba 300 x 250]

Per quanto riguarda la gestione e valutazione delle prove, il ministero dell’Università e della ricerca, attraverso un decreto ministeriale emesso durante l’estate, ha introdotto alcune novità. Ad iniziare dal fatto che durante le prove di ammissione verrà dato più spazio ai quesiti logico-deduttivi. Inoltre, ad ogni potenziale futuro corsista verrà proposta una “batteria” di domande con contenuti sempre più attinenti alla professione che vorrebbero svolgere.

Saranno molti anche gli esclusi da Veterinaria: a fronte di 70 posti disponibili, ci sono 553 candidati. Ma anche a Biotecnologie e Scienze biologiche non sarà facile: sono arrivate 722 domande per rispettivamente 83 e 360 posti. Stessa tendenza anche per Farmacia e Chimica e tecniche farmaceutiche (in totale 491 domande a fronte di rispettivi 95 e 98 posti) e per la laurea triennale di Scienze motorie, con 393 iscritti al test per 120 posti. Il corso di Ingegneria edile e architettura ha avuto 183 domande a fronte dei 97 posti, i corsi di Tecniche erboristiche e Informazione scientifica sul farmaco un totale di 189 domande per i rispettivi 95 e 95 posti, Scienze e tecnologie delle produzioni animali e Tecniche di allevamento animale ed educazione cinofila 147 iscrizioni per i rispettivi 90 e 75 posti. Ancora non definitivo il quadro di Scienze del turismo, le cui iscrizioni al test scadono il 31 agosto e dove si sono registrate fino ad oggi 61 domande a fronte dei 60 posti disponibili.

Federica Palmisano

[ad#Cpx Banner]

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.