Vittorio Sgarbi ha affermato di essere stato 40 volte padre

Vittorio Sgarbi ha affermato di essere stato 40 volte padre

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Juice PopUnder2]

ROMA, 25 AGOSTO – Durante un intervista  a Il Messaggero ha dichiarato: “ Bah! di figli ne ho una quarantina. Si posso avere una quarantina di figli, ne ho quattro a San Severino, tutti non riconosciuti. Otto a Salemi, dove sono sindaco”, commentando la sentenza dei giudici di Ancona, in Corte d’appello, che gli attribuiscono la paternità di una tredicenne che sarebbe nata da una relazione con una cantante lirica di origine albanese. Il critico d’arte ha dichiarato di ricorrere alla Cassazione e riferendosi alla ragazzina di tredici anni ha aggiunto: “La conosco benissimo, a occhio sembrerebbe figlia mia. È carina, simpatica. La madre ogni tanto mi chiama, me la porta a vedere. Quando incontro la ragazzina le dico che sarebbe un’ottima suora, così si spaventa e non viene a trovarmi per un anno”.

Proprio la Cassazione gli ha imposto qualche anno fa,  il riconoscimento di Carlo Brenner, 20 anni,  e successivament il critico ha dovuto riconoscere anche Evelina Hary, di 10 anni, chiamato in causa per Alba Kozeta, anche lei del 1998. Aidini Kozeta,  la madre di Alba, aveva chiesto la paternità di Sgarbi dopo la morte del marito Albino Curcio, fino a quel momento padre legale della bambina. A questo scopo, nei confronti del padre presunto (defunto nel 2002), anche Kozeta aveva avviato il disconoscimento per Curcio. Gianpaolo Cicconi, avvocato di Sgarbi ha precisato:  “Peccato che fosse fuori tempo massimo. Una madre lo può proporre entro i sei mesi dalla nascita del figlio”

La mancata puntualità nel presentare la domanda di disconoscimento è l’elemento su cui si basano  la difesa di Sgarbi che in quel caso ritennero fuori tempo la domanda presentata da Kozeta.

Durante una puntata della trasmissione “Confronti” condotta da Gigi Moncalvo aveva detto: “Sono contrario alla paternità. Quella del padre non è una categoria a cui ritengo di dover appartenere. Ciò detto sono anche contrario all’aborto. Ci sono donne che hanno voluto figli da me, non io da loro perché non può esserci l’obbligo di diventare padre”.

Maria Giuseppina Bauleo

[ad#Cpx Banner]

Leave a Reply

Your email address will not be published.