Nuova tragedia del mare di Lampedusa. Ritrovati 25 cadaveri su un barcone

Nuova tragedia del mare di Lampedusa. Ritrovati 25 cadaveri su un barcone

LAMPEDUSA, 1 AGO. – Ventiquattro uomini e una donna, tutti di età non superiore ai 25 anni. Questo il conteggio dei corpi che ieri sera sono stati ritrovati nella stiva dell’ennesimo barcone intercettato dalla Guardia Costiera a largo delle coste di Lampedusa. L’imbarcazione, con a bordo circa 300 migranti, tra cui 36 donne e 21 bambini, è stata intercettata e soccorsa durante la notte.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

Dopo aver effettuato le operazioni di trasbordo degli immigrati sulle motovedette, i militari della Guardia Costiera hanno iniziato a perquisire il barcone ed è così che hanno trovato, chiusi nel locale dei motori, i 25 cadaveri. Sin da subito l’ipotesi è stata quella dell’asfissia dovuta ai gas emessi nella sala macchine; dato confermato, più tardi, anche dal medico del poliambulatorio di Lampedusa, il dottor Pietro Bartolo, che ha effettuato l’ispezione cadaverica: <<Erano morti da almeno 48 ore. Il caldo e il posto in cui erano stipati, la stiva, hanno accelerato la decomposizione dei corpi>>.

La procura di Agrigento ha, intanto, aperto un inchiesta a carico di ignoti per ricostruire con precisione cause e tempi dei decessi. Si ipotizzano i reati di morte come conseguenza di altro reato e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. I magistrati hanno in oltre spiegato che i decessi potrebbe essere avvenuti in acque internazionali. L’imbarcazione teatro dell’ennesima tragedia dell’immigrazione è stata messa sotto sequestro e la polizia ha già cominciato a interrogare i quasi 300 profughi sbarcati, ma è verosimile che nessuno a bordo si sia realmente accorto di cosa stesse accadendo nelle stive. La morte, per i 25 sfortunati, potrebbe essere arrivata nel sonno, senza dunque causare alcun trambusto.

Andrea Pappalardo

[ad#Cpx Banner]

Leave a Reply

Your email address will not be published.