Melania Rea: Si parla di un possibile complice

Melania Rea: Si parla di un possibile complice

TERAMO, 27 LUGLIO – Continuano le indagini sull’omicidio di Melania Rea, la giovane di Somma Vesuviana uccisa il 18Aprile scorso e ritrovata due giorni dopo presso il bosco delle casermette, a Ripe di Civitella.

Nella mattinata di ieri i pm Davide Rosati e Greta Aloisi si sono recati a Roma, per sollecitare i riscontri dei Ris sulle tracce di sangue trovate nella macchina di Salvatore Parolisi e l’analisi dei dati del navigatore satellitare che potrebbe aver registrato gli spostamenti avvenuti quel giorno.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

Dalle pagine del Centro, quotidiano abruzzese, apprendiamo una nuova notizia: Salvatore Parolisi potrebbe non aver fatto tutto da solo. Si deduce da quanto scritto dai magistrati di Ascoli a pagina 66 dell’ordinanza che dispone la misura cautelare: «… e si tenga conto della concreta possibilità che nella fase di vilipendio del cadavere Parolisi sia stato aiutato da terze persone o possa aver incaricato taluno per compiere tale azione».

L’uomo dunque, dopo aver ucciso la moglie, si sarebbe potuto dedicare ad allontanare i sospetti, impersonando la parte del marito preoccupato, mentre un complice, un’amante, un collega, o quello stesso uomo che ha poi chiamato la polizia per denunciare il ritrovamento della giovane, lasciava sul corpo già martoriato di Melania, quei segni ritenuti utili a sviare le indagini: la siringa confitta nel petto e la svastica incisa sulla coscia.

Stefano Chessa

[ad#Cpx Banner]

2 Responses to "Melania Rea: Si parla di un possibile complice"

  1. Sensitivo  2011/07/27 at 13:53

    Sinceramente mi riesce difficile solo pensare che Salvatore abbia avuto un od una complice, anche soltanto per produrre sul corpo martoriato di Melania lesioni post mortem, così macchiandosi del delitto di vilipendio di cadavere, ai fini di depistare le indagini, e ciò per varie ragioni. Ma quale persona avrebbe potuto aiutare od agire per conto di Parolisi, un assassino? Per la sua bella faccia? No, non ci credo. Penso come la Procura di Ascoli che il caporal maggiore abbia fatto tutto da solo, anche perché se fossero stati in due o tre, gl’investigatori l’avrebbero già scoperto. Come dice il proverbio? Chi fa da sé, fa per tre o si sente un re! I delitti del coniuge sulla moglie avvengono sempre singolarmente. Addirittura, adesso si sospetta del telefonista! Boh, la voce sembra proprio quella di un anziano, impaurito dalla scena che ha visto, e teme per la sua incolumità, considerato che non sapeva di chi era quel corpo nudo, magari di una prostituta! La stranezza dell’uomo, in verità appare solo oggi, perché non si presenta, pur desiderato dai Magistrati, considerato che saprà dai giornali la vicenda, e potrebbe chiedere ed ottenere di conseravre l’anonimato agl’inquirenti! Non ha nulla da temere ormai. Nessuno, che forse l’ha riconosciuto, gli dica che non corre alcun pericolo a parlare, anche perché spiega nella breve comunicazione la ragione per cui ha visto il cadavere: stava facendo una passeggiata al Bosco delle Casermette, e probabilmente non veniva da Teramo, che è lontana almeno venti cholometri, ma dev’essere più vicino al luogo del delitto. Verificare il luogo da cui è partita la chiamata, credo sia possibile, anche se risulta usata una cabina telefonica pubblica. Esci allos coperto, telefonista, e ti faranno un monumento.

  2. senti un pò...  2011/07/27 at 15:35

    Scusa Sensitivo, ma non potrebbe essere invece che lui l’ha uccisa da solo e poi, preso da panico, ha mandato una persona veramente di fiducia, un suo collega militare, di quelli ben addestrati, che magari è andato di notte, per fare la svastica e mettere la siringa ? Ricorda che nelle caserme, e in quella in particolare, i segreti sono tanti, avrebbe pure potuto ricattare qualcuno per farsi aiutare. Oppure poteva avere un’altra amante, ricordati che ha chiesto ai colleghi di non parlare delle sue vicende amorose, o un parente. Chi lo sa.
    Mah, chissà come finirà. Di certo le indagini stanno dimostrando che è un gran bugiardo perchè tante cose raccontate non trovano riscontri. boh . Speriamo si scopra chi ha telefonato.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.