Ophelia rompe il silenzio e rilancia le accuse a Strauss-Kahn: “Voglio che vada in carcere”

Ophelia rompe il silenzio e rilancia le accuse a Strauss-Kahn: “Voglio che vada in carcere”

NEW YORK, 25 LUGLIO – Dsk contro Ofelia, la battaglia giudiziaria continua senza esclusione di colpi tappezzando le pagine di tabloid e giornali scandalistici di accuse e dichiarazioni al veleno.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

Mentre Dominique Strauss Kahn pianifica la campagna elettorale per la corso all’Eliseo, Ofelia rompe il silenzio concedendosi ad una serie di interviste in cui ribadisce la sua versione dei fatti e le accuse di violenza sessuale: «Per colpa sua mi trattano come una prostituta. Voglio che vada in carcere, voglio che sappia che ci sono posti in cui non puoi usare il tuo potere, non puoi usare i tuoi soldi». La 32enne cameriera, originaria della Guinea, conclude lanciano una frecciatina velenosa ai giudici: «Non ho mai cambiato la versione dei fatti».

Immediata la replica dei legali dell’ex direttore del Fondo Monetario: «E’ ovvio il tentativo di infiammare l’opinione pubblica contro l’imputato di un processo penale».

Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.