Campovolo 2.0: La Festa del Liga tra canzoni inedite e ricordi indelebili

Campovolo 2.0: La Festa del Liga tra canzoni inedite e ricordi indelebili

REGGIO EMILIA, 18 LUGLIO – Di certo non ha deluso le aspettative il Liga ieri sera all’Aeroporto di Reggio Emilia, il Campovolo 2.0, dove ha regalato uno spettacolo sfavillante. La giornata di ieri è stata la consacrazione del lavoro di Luciano Ligabue, ormai sempre più artista capace di raccogliere intorno a se una schiera di milioni di fan in numero sempre crescente. Il concerto Campovolo 2.0 era un evento studiato e calcolato nei minimi dettagli, una giornata di doverosa autocelebrazione che sicuramente avrà regalato ricordi indelebili nella testa e nel cuore di ogni fan accorso a vedere il proprio idolo sul parterre dell’aeroporto.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay]

Tre ore di musica, trentuno brani in scaletta tra pezzi recenti e grandi successi del passato, un carosello di musicisti senza precedenti tra quelli che hanno accompagnato Ligabue sul palco e nei dischi in tutti questi anni. Il tutto accompagnato da uno stage concepito per offrire la migliore visuale possibile da tutti i lati e un impianto che ha fatto sicuramente il suo dovere, non facendo perdere una nota a nessuno.

Si parte con “Questa E’ La Mia Vita” seguita dal primo singolo dell’ultimo album di Ligabue “Arrivederci Mostro”: “Un colpo all’anima”. Poi è il turno di un brano storico come “I Ragazzi Sono In Giro” prima di tornare agli episodi recenti con la bellissima “Ci Sei Sempre Stata”. Tra i grandi successi del passato la scaletta conteneva “Non E’ Tempo Per Noi”, la movimentata “Balliamo Sul Mondo”, “Il Giorno Di Dolore Che Uno Ha”. Ma anche “Vivo Morto O X”, “Viva”, “Quella Che Non sei”, l’immancabile “Certe Notti”, “Tra Palco E Realtà”, “A Che Ora E’ La Fine Del Mondo”, “Piccola Stella Senza Cielo” e “Urlando Contro Il Cielo”. Da notare che nei 31 brani della scaletta di Campovolo 2.0, dal quale dovrebbe uscire un bel DVD live, il Liga ha regalato anche due inediti intitolati “M’Abituerò” e “Sotto Bombardamento”.

Eleonora Braghiroli

[ad#Aruba PopUnder][ad#Cpx Banner]

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.