Manovra Finanziaria, la partita non è ancora finita

Manovra Finanziaria, la partita non è ancora finita

ROMA, 30 GIUGNO – «La partita non è finita. Finirà solo quando il Parlamento avrà approvato la manovra». Questo il commento a caldo di Umberto  Bossi dopo la partita giocata ieri fra Berlusconi, Tremonti e lo stesso Bossi.

In sostanza dall’accordo emerge una formulazione della famosa manovra che sposta nel biennio 2013-2014 i maggiori oneri per complessivi 40 miliardi.

Da ciò possiamo dire che l’idea di rinviare le spine al 2013 e al 2014 è una mossa  astuta che permette di evitare il suicidio elettorale di una manovra «shock» e al tempo stesso si lascia alle opposizioni il rischio di gestire, in caso di vittoria elettorale il problematico pareggio del bilancio imposto dall’Unione.

Una mossa che ci fa dire che ancora una volta l’interesse del paese non è stato messo al primo posto.

Simone Luca Reale

[ad#Aruba PopUnder][ad#HTML][ad#Juice Overlay]

Leave a Reply

Your email address will not be published.