I No-tav non si arrendono

I No-tav non si arrendono

TORINO, 29 GIUGNO – Dopo gli scontri di ieri e l’apertura dei cantieri per la costruzione della linea ferroviaria ad alta velocità, a Maddalena di Chiomonte (TO), in Val di Susa, le acque non si sono di certo placate. I manifestanti No-Tav sono già nuovamente attivi e stanno promuovendo una marcia da Susa a Chiomonte per domenica 3 luglio.

Forte il sostegno che gli è stato mandato sia dalle piazze di tutta Italia, sia dal web. Per la stessa data, è stata indetta anche una dimostrazione pubblica nazionale dall’Unione Sindacati di base, che condanna l’uso della violenza e l’intervento della polizia. Ancora, messaggi di solidarietà ai manifestanti sono arrivati oggi da diverse figure di spicco, tra i quali quelli del leader di Rifondazione comunista e di Beppe Grillo. Intanto tutti i feriti degli scontri di ieri sono stati dimessi dagli ospedali di Torino e della Val di Susa, ma gli investigatori della Digos di Torino portano avanti le indagini.

[ad#Juice 120 x 60][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

Due, fino ad ora, i manifestanti denunciati per porto abusivo di armi, una decina quelli identificati. Nella serata di ieri anche Silvio Berlusconi si è espresso sull’accaduto. Il premier ha affermato che il tempo da perdere è finito: se non si riesce a portare avanti questi lavori, l’Italia rischierebbe di rimanere fuori dall’UE.

Giacomo Mariani

APPRFONDIMENTI  Dove sposarsi in Riviera Romagnola: tre destinazioni da sogno

Leave a Reply

Your email address will not be published.