Il matrimonio di Mara Carfagna e Marco Mezzaroma

Il matrimonio di Mara Carfagna e Marco Mezzaroma

ROMA, 26 GENNAIO – Il matrimonio di Mara Carfagna e Marco Mezzaroma è stato blindato, con uno stuoli di agenti a proteggere la privacy degli sposi e ill testimone eccellente, Silvio Berlusconi, arrivato al castello di Torreimpietra cinque minuti prima delle sei, in abito blu scuro e cravatta in tinta.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

Prima del premier c’è stata la sfilata delle altre auto blu con a bordo ministri, politici e varia umanità di potere: Maurizio Sacconi, Maria Stella Gelmini, in un lungo abito rosso porpora, Giorgia Meloni in un tubino azzurro, Stefania Prestigiacomo, Renato Brunetta con la compagna, Gianni Letta, Raffaele Fitto. Ci sono anche i governatori di Lazio e Campania: Renata Polverini e Stefano Caldoro. Cesare Geronzi. I parlamentari: Antonio Martino, Melania Rizzoli, Paola Pelino, Michaela Biancofiore e Guido Crosetto. Paola Pelino e l’amico di famiglia non del Pdl, il deputato di Fli, Alessandro Ruben.

Lo sposo attende fuori della piccola chiesetta del Fuga, con i testimoni Gianluca Pizzulli e Giuseppe De Mita, figlio del leader Dc Ciriaco. Giuseppe ha il compito di pronunciare il discorso agli sposi durante la messa.

Le rose bianche addobbano la cappella e l’esterno. Il fratello della sposa, Gianrocco, ex pallanuotista e chirurgo plastico, anche lui testimone, è sempre stato vicino alla sorella Mara. La sposa accompagnata dal padre

Salvatore, percorrono la navata, in un classico abito bianco di mikado di seta e un piccolo strascico di un metro e mezzo, con un scollo sulle spalle e un lungo velo (tre metri) di tulle in seta con i bordi di pizzo di Bruges fatto arrivare apposta dal Belgio. Mara stringe il bouquet di roselline bianche, sorridente, ai lati dell’altare i testimoni con Berlusconi che sorride e fa segni di assenso alla sposa. Alle 18,38 inizia la cerimonia celebrata da padre Alfonso Santoriello, padre spirituale del ministro, con il sacerdote anche il vescovo Benedetto Tuzia.
Berlusconi fa battute e sorride al tavolo con gli sposi, parla di calcio con Lotito e a Marco Mezzaroma dichiara: «Sei un uomo fortunato», con la musica che fa da sottofondo.

Maria Giuseppina Bauleo

Leave a Reply

Your email address will not be published.