Speciale Maturità 2011: le tracce della seconda prova. Seneca e studio di funzione

Speciale Maturità 2011: le tracce della seconda prova. Seneca e studio di funzione

BOLOGNA, 23 GIUGNOSi è appena conclusa la seconda giornata degli esami di maturità. Oggi spazio alla prova specifica per l’indirizzo di studio per gli oltre 495 mila maturandi: latino al liceo classico, matematica al liceo scientifico, lingua straniera al linguistico, pedagogia al pedagogico, disegno geometrico, prospettiva e architettura al liceo artistico. Per gli istituti tecnici e professionali sono state scelte materie che, oltre a caratterizzare i diversi indirizzi di studio, hanno una dimensione tecnico-pratico-laboratoriale.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

Gi studenti del liceo Classico hanno affrontato la “Lettera a Lucilio: il vero bene è la virtù” di Seneca, l’epistola che verte sulla felicità umana. Secondo i latinisti interpellati da skuola.net, il brano, un estratto delle ‘Lettere morali a Lucilio’ di Seneca, è un pezzo peculiare dell’autore che a livello di contenuti si prestava, conoscendo il pensiero dello stesso, ad essere facilmente interpretato. In definitiva un testo abbastanza scorrevole di una complessità commisurata al livello di preparazione degli studenti, che secondo gli esperti è stato raggiunto senza eccessive spigolosità.

Maratona in tre atti per gli studenti del liceo scientifico. Le prime due parti hanno visto lo svolgimento dello studio di due funzioni, la terza è un questionario su tutto il programma di studi svolto nel corso dell’anno scolastico.

Gli istituti tecnici e professionali hanno affrontato prove che, oltre ad essere caratterizzanti per i propri indirizzi di studio, erano incentrate sulle attività pratiche e laboratoriali.

Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published.