Lele Mora in manette per bancarotta fraudolenta. Crolla l’impero dell’agente dei Vip

Lele Mora in manette per bancarotta fraudolenta. Crolla l’impero dell’agente dei Vip

MILANO, 21 GIUGNOBancarotta fraudolenta per un ammontare di otto milioni e mezzi di euro. La Guardia di Finanza di Milano ha eseguito un ordine di arresto nei confronti di Lele Mora, l’agente dei vip coinvolto anche nell’inchiesta Ruby-Gate sui festini di Arcore.

Il provvedimento restrittivo è legato alla maxi-inchiesta aperta dai pm di Milano Eugenio Fusco e Massimiliano Carducci sul fallimento della Lm Management. A Dario Mora, in arte Lele, è contestato di aver distratto, in qualità di ad della LM Management S.r.l., fallita circa un anno fa, somme di denaro per un valore complessivo di quasi 8,5 milioni di euro. In particolare una parte del tesoretto con fatture fiscali per operazioni fantasma.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

Secondo le indagini condotte dalla procura di Milano la frode fiscale riguarderebbe anche cinque milioni di euro, dei pagamenti effettuati per conto della Immobiliare Diana Srl, “in relazione all’ acquisizione degli immobili a quest’ultima intestati”.

Il debito complessivo nei confronti del Fisco, secondo quanto riporta l’ordinanza, è stato quantificato in oltre 16 milioni di euro.

Il gip di Milano ha motivato l’ordinanza di custodia cautelare per scongiurare il pericolo di fuga dell’agente che vive tra Milano e la Svizzera: “Modalità esecutive dei delitti, contatti all’estero, disponibilità di denaro ‘drenato’ all’estero sono pericoli, – secondo quanto dichiarato dal gip – arginabili solo ponendo l’indagato nell’assoluta impossibilità di muoversi nello spazio a lui circostante”.

Redazione

APPRFONDIMENTI  Droni e privacy: un rapporto difficile da portare avanti

Leave a Reply

Your email address will not be published.